Consiglio in carcere: la Lega attacca

0
Canton Mombello
Canton Mombello

Da il Brescia 8 maggio 2007 (massimiliano del barba)

«Solo un’iniziativa a scopo propagandistico». Così la Lega giustifica la sua assenza al Consiglio comunale che ieri si è svolto a Canton Mombello. «Il centrosinistra sta raschiando il barile in vista delle prossime elezioni amministrative», ha spiegato la consigliere Simona Bordonali, e il “fondo del barile” sarebbero proprio quei voti che potrebbero arrivare dai detenuti. «Anche dagli extracomunitari che con la nuova legge Amato-Ferrero avranno diritto di voto» e tornare utili «a un’amministrazione in crisi di consensi». Polemiche e particolarismi a parte, quella di ieri è stata per il Carroccio soprattutto l’occasione di ribadire il suo punto di vista sulla gestione dell’istituzione carceraria: da sempre contrari alla figura del Garante per i dritti dei detenuti, «inutile data l’esistenza del magistrato di sorveglianza», i rappresentanti leghisti sono tornati a scagliarsi contro l’indulto e i contributi a fondo perduto che la Loggia ha stanziato a favore delle imprese che assumono i beneficiari del provvedimento: «Si tratta di comportamenti inaccettabili di stampo assistenziale e clientelista», ha commentato il segretario cittadino Fabio Rolfi, per il quale ben altra dovrebbe essere l’impostazione, innanzitutto investendo in sicurezza, legalità e certezza della pena.
Riconoscendo i problemi di sovraffollamento del carcere cittadino, Rolfi poi ha avanzato la sua proposta: «I problemi di Canton Mombello ci sono ma non si risolvono con un Consiglio comunale, non possiamo illudere i detenuti e i loro famigliari con la solita condotta politica ipocrita e buonista, serve un nuovo carcere e perciò serve un’azione di pressione sullo Stato da parte dell’Ente locale». Ne è convinto anche il deputato leghista Davide Caparini, che ha sottolineato come sia necessario «investire sulle strutture, non solo per questioni economiche o di civiltà, ma anche per una buona organizzazione del sistema paese: migliori strutture significa anche minor utilizzo del personale». Progetto realizzabile solo a patto che si blocchi l’iter dell’Amato-Ferrero e si dia nuovo impulso alla legge del 2002 che permette la permuta delle aree demaniali per la realizzazione di nuove carceri. Cioè vendere Canton Mombello e ingrandire Verziano.

Comments

comments

LEAVE A REPLY