A caccia del tarlo asiatico

    0

    E’ partita da alcuni giorni la campagna della Regione Lombardia per informare i cittadini della pericolosità, ma solo per le piante e non per l’uomo, del "tarlo asiatico", un coleottero del genere Anoplophora, introdotto impropriamente nel nostro Paese dall’Asia e già individuato in alcune zone della regione. L’emergenza non è assolutamente da sottovalutare, basti pensare all’incredibile numero di arbusti da frutto abbattuti in Cina, dove il coleottero è partito, dal 1992: oltre 50 milioni. Il tarlo però non colpisce solo alberi da frutto ma ogni tipo di pianta: l’insetto depone le sue uova all’interno di un albero sano. Una volta che le larve sono mature fuoriescono dalla loro cella e scavano profonde gallerie per nutrirsi del legno, causando danni gravissimi alla pianta che nel giro di pochi mesi muore. L’unico rimedio efficace per contrastare la diffusione del tarlo è l’abbattimento dell’arbusto, l’estirpazione del suo apparato radicale e l’incenerimento del tutto.
    Ad oggi la presenza dell’Anoplophora è stata accertata nelle provincie di Milano, Varese e Brescia. Le forze messe in atto dalla Regione sono importanti: da qui al 2010 8 milioni di euro per contrastare la diffusione del tarlo e informare la cittadinanza della sua pericolosità. Proprio a questo riguardo la scorsa settimana sono stati affissi nella nostra provincia manifesti con le immagini del coleottero: si invitano coloro che dovessero vedere l’insetto a comunicarlo immediatamente ad ogni organo preposto.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome