Cassarà sul tetto d’Europa

    0

    Ancora una volta il campione bresciano Andrea Cassarà è salito ieri sul gradino più alto del podio del fioretto maschile agli europei di scherma di Kiev. E con questo successo entra nella storia per essere il primo italiano a centrare tre successi consecutivi ai campionati europei, con la prima vittoria giunta nel 2002 a Mosca e la seconda tre anni dopo a Zalaegerszeg. La vittoria è stata l’epilogo naturale di una competizione interminabile, che a differenza di altre gare vede i big partire dalle qualificazioni assieme a tutti gli altri fiorettisti. Nel cammino che l’ha portato alla finale non sono mancati ostacoli ardui, su tutti Lepechoux, personale bestia nera del nostro Cassarà, eliminato ai quarti. La strada a quel punto sarebbe stata in discesa, ma la fatica avrebbe potuto farsi sentire così come è avvenuto per Baldini e Sanzo, altri atleti accreditati alla vigilia come possibili vincitori. E invece così non è stato: in finale Cassarà ha nettamente superato il britannico Laurence Hasted per 15-9. Resta solo un rammarico per il nostro carabiniere, ma è grandissimo: non poter partecipare all’olimpiade di Pechino, a causa di un regolamento assurdo (quest’anno è stato a lungo fermo per infortunio, non potendo gareggiare per le qualificazioni). Lui, campione d’Europa in carica e attuale numero uno del ranking mondiale l’olimpiade dovrà guardarla in tv.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome