I rom bresciani non ci stanno

    0

    Anche i rom e i sinti bresciani aderiranno domani alla manifestazione nazionale organizzata a Roma per protestare pacificamente contro i recenti provvedimenti del governo in materia di sicurezza. L’associazione Nevo Gipen che tutela i sinti della nostra provincia ritiene la schedatura di tutti i nomadi, con tanto di rilevamento delle impronte digitali, una grave discriminazione, anche alla luce del fatto che i prefetti nominati dal governo quali commissari per il cosiddetto pacchetto sicurezza sono autorizzati a "monitorare" anche i campi nomadi regolari, dove risiedono cittadini italiani a tutti gli effetti, nati e cresciuti a Brescia. Sergio Suffer, rappresentante del Nevo Gipen del campo nomadi di via Orzinuovi, ritiene la schedatura che si profila per tutti i rom un provvedimento assolutamente inutile visto che già l’anagrafe comunale è in possesso di tutti i dati sui residenti. Renato Henich, guida spirituale dei sinti bresciani, se la prende contro la schedatura dei minorenni e efferma che si tratterebbe di un’azione contraria sia alla costituzione italiana che alle leggi europee.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome