Garda, prende i soldi e scappa

    0

    Uno spot accattivante visto sulle emittenti televisive lombarde, una brochure patinata, l’elaborazione al computer di come sarebbe sorta l’abitazione, accanto al nascente "Porta del sole Garda Golf resort" di Soiano del Lago: il compratore entusiasta versa la caparra e la truffa è fatta. E’ stato arrestato ieri Paolo Giordani, 34 anni di Lonato, con l’accusa di truffa aggravata e continuata e falsità materiale per la documentazione che forniva, si perchè i potenziali acquirenti versavano 30 mila euro come caparra per l’acquisto e firmavano tanto di preliminare su carta intestata, visionavano il progetto, falso, della loro casa, il tutto in un ufficio direttamente sul terreno di edificazione del "resort".
    Le persono coinvolte nella truffa sarebbero almeno una decina; esse sarebbero state convinte dal fatto che Giordani si presentava loro a nome di grosse aziende nazionali, per le quali operava da investitore. I primi sospetti li hanno avuti alcuni acquirenti che già vivono nelle vicinanze del terreno su cui credevano di veder costruire la loro casa: c’erano ruspe all’interno, ma i lavori non iniziavano mai. Interpellato Giordani parlava di fantomatici problemi burocratici, in via di risoluzione. Intuendo la truffa le persone coinvolte hanno denunciato la cosa ai carabinieri, che sono riusciti ad arrestare l’uomo a Peschiera, dopo alcuni giorni di pedinamenti. Egli sarebbe stato colto sul fatto proprio mentre vendeva un’abitazione che aveva poco prima solo preso in affitto.
    Il colonnello dei Carabinieri Marco Riscaldati, che ha tenuto una conferenza stampa per svelare i dettagli dell’operazione, raccomanda di fare molta attenzione in questi frangenti: bisogna diffidare dai personaggi che non si conoscono e comunque sempre verificare nel proprio comune la reale esistenza della società che propone l’acquisto e i documenti che attestano la proprietà del terreno edificabile

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY