Maxirissa tra kosovari

    0
    Bsnews whatsapp

    Ha dell’incredibile lo spettacolo che si sono trovati di fronte i carabinieri della caserma di Chiari nella notte di sabato, quando sono dovuti intervenire in seguito alla segnalazione di disordini in corso in via Pesa, a Roccafranca: una maxirissa tra immigrati kosovari. Le botte sono cominciate nella tarda serata, verso le 23. Subito gli schiamazzi, le urla, le grida dei feriti hanno allarmato gli abitanti della zona che hanno chiamato le forze dell’ordine. Dal momento della segnalazione all’arrivo dei carabinieri però c’è stato il tempo per darsele di santa ragione: alla fine sul campo sono rimasti tre feriti, tra cui uno che versa in gravissime condizioni al reparto di rianimazione del civile di Brescia. Gli uomini delle forze dell’ordine hanno dovuto faticare non poco ad arrestare le persone che hanno partecipato alla rissa. Al momento dell’arrivo molte di loro se la sono data a gambe levate. Alcuni sono stati recuperati nei dintorni di via Pesa, altri direttamente nelle loro abitazioni dove si erano rifugiati, colti ancora con gli abiti insanguinati e in possesso delle armi bianche usate nella rissa. In totale undici gli arrestati, tra cui i tre attualmente ricoverati per le ferite riportate.
    L’ambiente in cui è maturata la lite è quello del caporalato, che ancora sopravvive tra imprese che operano nel campo dell’edilizia. La lotta è per sopravvivere, per spartirsi cantieri e lavori a cottimo in una gara a ribasso, dove a rimetterci sono sempre gli ultimi, gli umili, quelli che per accaparrarsi un lavoro arrivano a lottare con spranghe, bastoni, tubi, martelli.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    RISPONDI