Lancini patteggia

    0

    Termina in fretta il processo contro Battista Lancini, imprenditore 41enne di Adro passato dal diventare il nuovo presidente del Verona Calcio all’arresto con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata, sostituzione di persona, falso in bilancio e riciclaggio di denaro. La scorsa settimana durante l’udienza preliminare la richiesta di patteggiamento avanzata dal suo legale, ieri il gup Silvia Milesi ha concesso gli arresti domiciliari per tre anni e quattro mesi. Lancini ha già lasciato il carcere.
    L’inchiesta che aveva portato all’arresto dell’imprenditore aveva smascherato una lunga serie di truffe in campo immobiliare. L’uomo e la sua nutrita schiera di collaboratori riusciva a vendere beni di cui non aveva la proprietà, per i quali si faceva versare cospicui anticipi spesso in nero, senza così che la controparte avesse un documento per far valere i diritti. Non di rado l’acquirente si preventava all’appuntamento dal notaio senza trovare la controparte venditrice. Con i soldi ricavati acquistava immobili in maniera perfettamente regolare.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome