Produzione industriale a picco

    0

    Sono stati diffusi dal Centro Studi AIB i dati dell’indagine congiunturale mensile riguardo alla produzione industriale del mese di ottobre. Si è vericato un crollo verticale della produzione, una fortissima diminuzione rispetto a settembre dovuta alla fase di recessione ormai in atto su scala globale. Le prospettive a breve termine indicano un’ulteriore contrazione dei livelli produttivi, a causa dell’accentuarsi dello stato di debolezza della domanda interna e della continua flessione degli ordini dall’estero.

    Queste, in sintesi, le indicazioni che emergono dall’indagine congiunturale mensile condotta dal Centro Studi dell’AIB su un campione di 250 imprese associate.

    La produzione è rimasta praticamente invariata nei settori “calzaturiero” e “agroalimentare e caseario”; è diminuita nei comparti “carta e stampa”, “legno e mobilio”, “materiali da costruzione ed estrattive”, ”meccanica di precisione e costruzione di apparecchiature elettriche” e “tessile”; ha subito invece delle flessioni molto consistenti dei settori “abbigliamento”, “chimico, gomma e plastica”, “maglie e calze”, “metallurgico e siderurgico”, “meccanica tradizionale e mezzi di trasporto”.

    La dinamica dell’attività produttiva per classi dimensionali ha evidenziato una sostanziale omogeneità della contrazione produttiva non evidenziando forti specificità a livello dimensionale.

    La produzione in ottobre è aumentata solo per 10 imprese su 100 (28 nella rilevazione di settembre), non è variata per 35 (59) e diminuita per 55 (13). Le imprese soddisfatte dei propri livelli di attività, in rapporto alla potenzialità aziendale, sono il 7% e quelle insoddisfatte il 55%.

    L’utilizzo degli impianti riflette sostanzialmente l’andamento dell’attività produttiva, con una percentuale del 6% di imprese che dichiara di averlo aumentato, del 44% di quelle che non lo ha variato e del 50% di quelle che lo ha diminuito.
    Il livello di utilizzo della capacità produttiva, rispetto al potenziale, è giudicato alto dal 3% delle aziende, basso dal 54% e normale dal 43%.

    Le vendite sul mercato nazionale sono cresciute per il 13% delle imprese, non sono variate per il 29% e diminuite per il 58%.

    Le vendite verso i Paesi UE sono aumentate per l’11%, rimaste invariate per il 46% e diminuite per il 44%; quelle verso i Paesi extra UE hanno subito variazioni positive per il 10% del campione, nulle per il 46% e negative per il 44%.

    Le giacenze di prodotti finiti risultano adeguate alle esigenze per il 69% delle imprese, alte per il 22% e basse per il 9%.

    Le scorte di materie prime risultano normali per il 76% delle aziende, alte per il 17% e basse per il 7%.

    La manodopera è aumentata per il 4% delle aziende, è rimasta invariata per l’81% e diminuita per il 15%.

    Le prospettive a breve termine sono per una ulteriore e consistente riduzione dei livelli produttivi; infatti, solo l’11% delle imprese prevede di aumentare la produzione, il 52% di diminuirla ed il 37% di mantenerla stabile.

    L’utilizzo degli impianti è previsto in aumento dal 10% delle aziende, in diminuzione dal 50% e stabile dal 40%.

    Gli ordini dal mercato interno sono previsti in aumento dal 7% delle aziende, stabili dal 36% e in diminuzione dal 57%.

    Gli ordini dai Paesi dell’UE sono attesi in crescita dal 6% delle aziende, stabili dal 50% e in calo dal 44%.

    Gli ordini dai Paesi extra UE sono previsti in aumento dal 10% delle imprese, stazionari dal 51% e in diminuzione dal 39%.

    La manodopera è prevista stabile dal 67% delle aziende, in diminuzione dal 32% e in aumento dall’1%.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. solo dati numerici molto generici che non spiegano nulla di preciso
      a mio avviso la grossa crisi economica che l’italia tutta sta vivendo
      non finirà mai ma durerà per sempre.

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome