Critici i sindacati

    0

    Oggi in consiglio si dovrebbe giungere all’approvazione della delibera che formalizza la distribuzione del bonus anziani, una cifra che va dai 600 ai 1.200 euro per ogni pensionato ultrasettantacinquenne residente in città da almeno 10 anni, in base alla dichiarazione Isee. I sindacati di categoria, Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil, sono perlomeno critici delle misure adottate e se la prendono con la Giunta che approva il bonus «senza alcun confronto preventivo con la rappresentanza sociale degli anziani di cui il sindacato unitario dei pensionati è larga parte. In particolare siamo preoccupati che l’amministrazione comunale pervenga a scelte che, al di là dell’effetto-annuncio, vedano la politica del Bonus come alternativa all’ulteriore potenziamento dei servizi sociali e degli aiuti economici rivolti alle crescenti esigenze delle persone anziane». Il segretario generale della Cisl, Renato Zaltieri: «Il Comune di Brescia fa oggettivamente un sacco di cose, in diversi casi anche positive. Purtroppo vengono sempre fatte cadere dall’alto senza il coinvolgimneto della città e delle sue espressioni associative. seguiremo con attenzione il dibattito di oggi in consiglio comunale sperando che almeno l’assemblea di palazzo Loggia possa richiamare la Giunta ad un collegamento reale con tutte le articolazioni rappresentative della società». I sindacati si augurano altresì che la procedura per l’ottenimento del bonus sia semplice da applicare, e quindi veloce: i tempi che corrono non sono certo tali da tirare per le lunghe l’elargizione del bonus, che non sarà certo la soluzione ai mali dell’indigenza serpeggiante ma è comunque un aiuto. Purchè vada nelle tasche giuste.
    au.bi.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Ma per i giovani cosa si fa. Tutti ne parlano ma nessuno fa niente. Da precaria, cerco casa a Brescia da un anno. Affitti impossibili.
      Anche noi vogliamo un aiuto.

    LEAVE A REPLY