300 testimoni non ammessi

    0

    Il tanto atteso processo sulla strage di piazza Loggia in corso a Brescia, imputati Delfo Zorzi, Carlo Maria Maggi, Maurizio Tramonte, Francesco Delfino, Giovanni Maifredi e Pino Rauti, ha perso ieri buona parte dei testi chiave richiesti dall’accusa, dalle parti civili e dai difensori degli imputati. Testimoni importanti per capire chi volle lo scoppio della bomba, per fare luce su chi ha coperto per tanti anni i responsabili. Non solo testimoni "famosi", testimoni fondamentali che invece non entreranno in aula: quasi trecento in totale, a partire da Giulio Andreotti, Francesco Cossiga, Emilio Colombo, Renato Curcio, Arnaldo Forlani, Tina Anselmi, Valerio Fioravanti, Erich Pribke, i bresciani Paolo Corsini e Roberto Chiarini, i direttori di Sismi e Sisde (il servizi segreti militare e civile), Giancarlo Tarquini (ex procuratore della Repubblica a Brescia), Francesco Saverio Borrelli e Guido Salvini. Non ammessi in aula dundue quasi trecento dei duemila testi chiamati in causa; certo un bello sgravio di lavoro, peccato però perchè alcuni di loro avrebbero saputo fornire elementi importanti al processo.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome