Manenti si difende

    0

    Parla di complotto politico, di caso montato ad arte, di errore giudiziario clamoroso. Roberto Manenti, ex sindaco di Rovato famoso in tutta Italia per le ordinanze contro i musulmani a cui era proibito avvicinarsi alla chiesa, si difende dalle accuse di aver ripetutamente partecipato a stupri di gruppo ai danni di una ragazza romena,
    all’epoca dei fatti diciannovenne. La ragazza è sola ad accusare Manenti, l’unico indizio concreto, a parte la testimonianza, è un taccuino trovato in casa sua che riporta un presunto numero di telefono di Manenti accompagnato dalla scritta "Roberto sindaco Rovato". La condanna di primo grado con rito abbreviato è stata
    fissata dal tribunale di Verona in 6 anni e 8 mesi di reclusione, Manenti e il suo legale Filippo Cocchetti non ci stanno. L’ex uomo della Lega, ora in minoranza a Rovato con una lista civica, dalle colonne del Bresciaoggi in edicola rilancia: «Mi sento vittima di un complotto politico o peggio ancora di un errore giudiziario simile a quello di Enzo Tortora. «Non conosco quella ragazza; la mia faccia, ai tempi, era su tutti i giornali ma anche sui muri perché ero candidato alle europee. È una condanna che si spiega solo come una vendetta politica maturata anche sotto la spinta mediatica dei fatti degli ultimi giorni in materia di violenze sessuali. A mio carico non c’è uno straccio né di prova né di indizio, se non la denuncia della vittima che risale a dieci anni fa. Qualcuno ha voluto vendicarsi, sbattendomi in prima pagina come un mostro. Ho l’inquietante sensazione che sia un
    avvertimento a tutti i sindaci che pestano i piedi alla criminalità. Qualche potere colluso con la delinquenza organizzata vuol fare capire che si può tenere chiunque sotto scacco: lei è una prostituta clandestina, protetta perchè aveva denunciato i suoi aguzzini e per questo sapeva che non avrebbe mai
    dovuto prendersi la responsabilità delle sue affermazioni. Ma non mi arrendo: mi batterò a testa alta: non sono colpevole».
    au.bi.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Una condanna così "pesante" difficilmente viene comminata senza prove. Ora la giustzia compirà il suo iter e vi saranno altri due gradi di giudizio a far chiarezza. Mi preme sottolineare quanto il gravissimo reato di "stupro" venga relegato in secondo piano per dar spazio a: complotto, vendetta politica, potere gestito e sottratto in un mondo corrotto, maschilista e machista. Vorrei che venisse riportato al centro della riflessione/discussione il clima di degrado ed abbruttimento, di cui certo non deve non sentirsi responsabile l’imputato, in cui queste violenze vengono quotidianamente perpretate ai danni delle donne.

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome