Nuove regole

    0

    L’assessore ai Servizi Sociali Giorgio Maione ha illustrato ieri le nuove norme che regoleranno l’accesso agli asili nido cittadini, quelli comunali e quelli privati convenzionati. L’elemento più innovativo è sicuramente quello legato al reddito che non sarà più discriminante assoluta per accedere al servizio: servirà solo per la definizione della retta. Privilegiate da ora in poi le famiglie in cui lavorano entrambe i genitori (12 punti per la graduatoria) rispetto a quelle nelle quali lavora solo papà o solo mamma. Maione definisce la scelta non solo economica ma anche "ideologica": se un genitore ha la possibilità di educare il proprio figlio è molto meglio sia per il figlio che per la comunità ed è bene che venga disincentivato rispetto a chi proprio non può fare a meno di usufruire del nido. Buone notizie per le famiglie numerose: se ci sono 4 figli sotto i 14 anni il nido non si paga, indipendentemente dal reddito. L’handicap del bimbo (ovviamente) e ora anche di uno dei familiari (invalidità accertata almeno al 66%) aumenta il punteggio (che passa da 2 a 5) nella graduatoria di accesso al nido. Possibilità infine di rimodulazione della retta in caso di sopravvenuto licenziamento o cassa integrazione per uno dei genitori.
    a.c.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome