L’opinione

    0

    Il Consiglio Provinciale di Brescia ha votato una mozione presentata da Annalisa Voltolini e Silvia Colasanti  (Pd) che censura l’obbligo dei medici costretti denunciare i clandestini come previsto dal disegno di legge sulla sicurezza votato in Senato. La mozione è stata votatat con la sola astensione del consigliere Gregorini (FI) ed il voto contrario dei leghisti (Vanaria,Pagliaro, Elena e Pedersoli)

     

    Riceviamo e pubblichiamo alcune riflessioni di Roberto Toffoli, consiglire di Fi- Pdl

    Il nostro Gruppo ha espresso parere positivo sulla mozione presentata da alcuni colleghi, in merito alla possibilità concessa ai medici di denunciare i clandestini, in quanto reputiamo che sull’argomento venga fatta soprattutto da una certa parte politica troppa demagogia. nfatti, diverso è parlare di immigrazione clandestina, nei confronti della quale devono essere messe in campo tutte le azioni necessarie finanche la denuncia penale. Altro è parlare del diritto alla salute.
    Andando più specificatamente sul tema ritengo sbagliato trasformare i medici che hanno fatto il giuramento di Ippocrate in delatori  tipo “stasi” (di comunista memoria) anche perché se oggi sosteniamo dei costi in futuro ne potremo avere un vantaggio. Lo stato di  degrado in cui vivono gli extracomunitari, particolarmente i clandestini, potrebbe portare a rischi per la loro salute e per quella degli Italiani (in Italia sono in forte aumento la tubercolosi, la scabbia e altre malattie infettive)
    Se la nostra vita oggi è mediamente superiore agli 80 anni è dovuto al fatto che gli Italiani, dal dopoguerra, hanno migliorato la loro alimentazione, le cure farmaceutiche e la pulizia personale.
    Concludendo, riteniamo che le cure che possono sembrare un costo, sono sicuramente un investimento per il futuro ”Meglio prevenire che curare”.

    Roberto Toffoli

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Il voto favorevole che il gruppo di Forza Italia ha voluto esprimere sulla mozione presentata dal Partito Democratico è la dimostrazione che vi sono valori che possono unire le forze responsabili del Paese a prescindere dalla loro collocazione di maggioranza o di opposizione.
      Se tali posizioni fossero tenute a tutti i livelli si potrebbero isolare gli estremismi leghisti che viceversa avvelenano il clima sociale accrescendone le divisioni e le tensioni.

    2. Il comunicato di TOFFOLI mi sembra molto ambiguo e comunque non si oppone al fatto che un medico possa denunciare un clandestino in quanto lo farebbe non perchè clandestino ma perche portatore di eventuale rischio alla salute degli altri.
      Ho riletto più volte quanto comunica ROBERTONE TOFFOLI,vecchia volpe caudata. Basta che un medico,in presenza di un clandestino,abbia il dubbio che possa avre la rogna che IPPOCRATE lo lo liberi dal giuramento e lo indirizzi alla Questura.
      Sfumature che non cambiano l’invito del GOVERNO alla delazione ad una categoria ,quella dei MEDICI, che dovrebbe essere libera da ogni tipo di costrizione sui suoi doveri umanitari.

    3. Qualcuno è intervenuto firmando a nome mio.Sono il prof.Luigi Cerritelli e chiedo di controllare i numeri del PC di provenienza del post in oggetto..L’intervento,in sè, non contiene nè parolacce e nè offese che potrebbero danneggiarmi.Il fatto è che non proviene dal mio pensiero ma da quello di qualcun altro.Non capisco lo scopo.
      Direttrice,pensaci tu.

    4. Guardando bene il tutto,osservo che probabilmente L’OPINIONE è un pezzo di archivio di BS NEWS,che per ragioni di mal funzionamento ,si è inserito in prima pagina.Il post perciò potrebbe,visto anche lo stile,essere mio; redatto il 23 febbraio e da me scordato.Nell’aprire BS NEWS, oggi,non ricordandomi delle cose antiche,ho pensato male. Chiedo lumi al Direttore.

    5. Fa piacere sentire che quando si ragiona per il bene comune, i cittadini che hanno la deleghe per farlo questo benedetto interesse della cittadinanza a volte lascino da parte ideologie e interessi partitici.

    LEAVE A REPLY