Week-end di protesta

    0

    Si prospetta un intenso fine settimana di mobilitazione per le organizzazioni agricole di Confagricoltura e Unione Provinciale Agricoltori che si stanno preparando a far sentire la propria voce contro il decreto sulle quote-latte del ministro dell’Agricoltura Zaia.
    Si parte venerdì con il ritrovo dei trattori presso la Fiera di Brescia e l’allestimento della Festa della solidarietà dell’agricoltura: una tre-giorni dedicata all’informazione sul decreto legge contestato durante la quale interverranno amministratori e tecnici.
    Lunedì mattina tutti i trattori radunati partiranno alle ore 5 alla volta di Arcore (residenza del premier) e Gemonio in provincia di Varese (residenza di Bossi, ministro delle Riforme): lungo il cammino incontreranno gli altri agricoltori della regione e il serpentone si ingrosserà sempre più.
    Gli allevatori contestano il decreto-Zaia: troppo morbido contro chi ha sforato per anni le quote latte da mungere accumulando milioni di euro di multe e penalizzante per chi ha rispettato le regole.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Gruppo Di Pietro Italia dei Valori

      “ZAIA LAVORA CONTRO AGRICOLTORI E ALLEVATORI. PIENA SOLIDARIETÀ ALLA MANIFESTAZIONE DI CONFAGRICOLTURA”

      Il ”Gruppo Di Pietro Italia dei Valori” del Comune di Brescia condivide la solidarietà alla manifestazione nazionale organizzata da Confagricoltura ed è vicina ai manifestanti.

      “Piena e convinta solidarietà alla manifestazione nazionale, con più di 1000 trattori, organizzata da
      Confagricoltura questa mattina in Lombardia contro il decreto del Ministro dell’Agricoltura Zaia – dichiara l’On.Sergio Piffari, deputato lombardo di Italia dei Valori e segretario regionale di IdV-. Questo decreto è un ulteriore condono per pochi furbi che hanno causato danni per quasi 3 miliardi di euro all’agricoltura italiana, danneggiando migliaia di piccoli agricoltori”.

      “Quasi 30000 agricoltori hanno fatto sacrifici per rispettare le leggi – continua Piffari – e in questo
      momento vengono gabbati dal ministro leghista perché la Comunità Europea sta assegnando a tutti gli agricoltori italiani (compresi i furbetti) un ulteriore 5% di quote latte. Di fatto, con questo decreto, viene ancora una volta e ‘in via esclusiva’ riassegnato ai furbetti l’incremento previsto dalla Comunità Europea”.

      “Non dimentichiamo che tutte le Regioni hanno già dichiarato la loro contrarietà al decreto.
      I furbetti, in passato, hanno guadagnato facendo dumping fiscale, scavalcando le Regioni stesse, mai coinvolte nelle modalità di ripartizione delle quote. L’Italia dei Valori – conclude Piffari – farà la sua parte per correggere questo ulteriore torto ai danni degli allevatori italiani”.

      Consigliere
      Francesco Patitucci

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome