Corre anche Mario Braga

    0

    Si allarga la linea di partenza in vista dell’elezione del nuovo presidente della Provincia. E’ della corsa anche Mario Braga, 53 anni, libero professionista, un passato nella giunta del presidente Lepidi e poi anni di opposizione dalle fila della Margerita e del Pd. Braga dice di essere appoggiato da tanti amici, tanti amministratori e alcune personalità tra cui Tino Bino. Nella presentazione del suo progetto, nel cortile di Palazzo Broletto, non parla di programmi, per ora mette avanti la propria voglia di fare del bene mettendo a disposizione il proprio lavoro. Lancia un appello all’altra outsider, Laura Castelletti, che però per ora rifiuta.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Mario Braga,ex Asinello ed ex Ulivo, è personaggio sicuramente credibile;è stato buon amministratore,assessore in Provincia; è uomo di riferimento dell’area cattolica nella Bassa Bresciana e in Città.L’appello alla Castelletti mi sembra,francamente,incomprensibile. Cosa si aspettasse lo sa solo lui.Comunque gli auguro che non venga isolato e messo all’angolo dalle trame in atto.Di gente come Braga c’è ne poca in giro.

    2. Auguri ma è una battaglia persa in partenza.La Giunta Cavalli ha offerto una buona amminmistrazione ma ha mancato nei grandi progetti,tuttavia le forze del centro destra sono maggioranza nel bresciano.L’unico modo per tentare un’alternativa credibile è costruire una coalizione di forze che facciano perno al PD,guardino ai socialisti,alla Rosa Bianca,a DeToni….sinceramente chiudersi nel proprio orticello,come l’amico Mario,è uno dei tanti motivi che ci porta a stare a casa e ad auspicare la netta vittoria (ahime) di Romele.

    3. Sono quello di "dove vuole andare con 44 gatti" : dalla lettura dei giornali era parso che Braga si candidasse direttamente alla Presidenza. Qualcuno ha scritto che ha anche cambiato idea. La stampa bresciana,specie quella vicina alla curia (ma anche l’articolo qui sopra non è preciso !) ,ultimamente cerca di confondere le idee, forse lo fa per sparigliare il gioco, anche in vista delle scelte della UDC ?
      In ogni caso, grazie a Roberto per aver chiarito l’equivoco e auguri a Mario perchè la sua è senz’altro una candidatura autorevole.
      Ma non è che a forza di candidare gente proveniente dalla Margherita, alla fine il PD si troverà Fogliata candidato ?
      Arrivederci al 6 Aprile !

    LEAVE A REPLY