Smaltimenti abusivi lungo l’argine

    0

    Il Nucleo Investigativo Territoriale Ambientale, assieme ai tecnici comunali, ha scoperto nei giorni scorsi un deposito abusivo di scorie e rifiuti industriali lungo l’argine del fiume Mella a Urago, a fianco della Tangenziale Ovest. Quasi certamente l’origine della discarica clandestina risale a qualche anno fa, almeno una ventina secondo le prime ipotesi. I residui individuati vanno a fondo nel terreno, non possono che essere frutto di un’azione illegale che col tempo è stata ricoperta da terra e vegetazione. Dalle prime analisi si è potuto appurare che nella zona sono stati depositati scarti contenenti pericolosi metalli pesanti e altre sostanze altamente tossiche, cadmio, cromo, piombo, zinco. Il rischio per l’ambiente è forte, gli smaltimenti abusivi potrebbero aver inquinato le falde acquifere oltre che la superficie. La zona è ora sotto sequestro, delimitata con nastro.
    a.c.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Nei "favolosi " anni sessanta scricar porcherie era consuetudine priva di conseguenze legali.Avevano voglia di predicare e stracciarsi le vesta i radicali di allora!;denunce su denunce prive di risultati.Si rubava,si inquinava,anche in Città,e Caffaro docet!,inchinandosi ad un presunto sviluppo della modernità. Se avessimo un elicolttoro ed uno strumento a sonda fotografica potremmo valutare dall’alto come il territorio risulti maculato dalle sozzerie chimiche in esso nascoste.Sulle sponde del Mella facevamo il bagno;nel 1962,verso Collebeato dove il fiume aveva una bella corsa su un fondo quasi roccioso che è rimasto impresso nella mia memoria antica.
      Tutto è passato;nel frattempo è rimasta la crosta degli inquinamenti
      provocati dall’egoismo umano.

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome