Spacciatori part-time

    0

    Tre giovani immigrati marocchini sotto i trent’anni e una ragazza di 16 sono finiti in carcere nell’ambito di un’indagine condotta dai carabinieri di Chiari nel giro dello spaccio di stupefacenti.
    Il capo della banda è un carpentiere regolarmente assunto dalla sua ditta, residente a Chiari in via Olmi; carpentiere solo di giorno però, nei cantieri milanesi come tanti suoi connazionali, la sera arrotondava spacciando cocaina (100 grammi trovati nella sua bitazione) e hashish (1 kilo). Dopo mesi di indagini i carabinieri hanno individuato la banda e ieri mattina, attorno alle 4.30 (prima che partissero i pulmini che fanno la spola tra l’ovest bresciano e i cantieri), il blitz che ha portato agli arresti. I tre uomini avevano già precedenti penali, incensurata la ragazza, entrata clandestinamente nel nostro paese.
    Au.Bi.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome