Ironia: defunta !

    0

    Ogni epoca ha gli storici che si merita. Sembra strano, ma anche i graffiti, le scritti oscene o le ingiurie impresse sulle pareti di monumenti storici scalinate, pareti di palazzi cittadini e muri o muretti delle periferie narrano, o quanto meno esplicitano, il sentire di una comunità. Anche le bombolette spray o la vernice d’improvvisati storiografi testimoniano gli umori che albergano nella pancia di una città.

    Questo non significa difendere atti di vandalismo, danneggiamenti del patrimonio pubblico o peggio gli anonimi autori delle minacce apparse in questi giorni a Brescia contro gli assessori Fabio Rolfi e Mario Labolani. 

    E’ solo la presa d’atto che anche la scritta vergata sui gabinetti di una discoteca parla del popolo di chi la frequenta. 

    Se oggi “slup”, quez “, “paf” o “tof “sono diventati il grido di battaglia creato da sedicenti artisti underground sostituendo gli irriverenti botta e risposta tra opposte fazioni politiche, è il segnale che anche l’ironia non è in più grado di seppellire nessuno. Non che manchino i bersagli, ma la “fantasia al potere” è stata soppiantata da mediocre violenza che indigna proprio chi vorrebbe sedurre.

    Ma i tazebao in calce, spesso, rappresentano le pagine anche della letteratura mordi e fuggi di poeti nostrani. “La speranza ha il cuore sempre stretto”, vergata parecchi anni fa sul muro di via San Rocchino era il grido di dolore di un anonimo che ha scatenato una campagna mediatica. Per parecchie settimane i quotidiani locali avevano chiamato a raccolta i lettori per cercare l’interpretazione autentica di quel cuore troppo stretto per avvalorare la tesi di una vision, comunque, ottimista.

    Peccato, chi voleva la “fantasia al potere” ha perso  proprio la fantasia e chi pensava di seppellire gli oppositori con una risata ha perso proprio l’arma più potente: l’ironia. 

    Federica Papetti

     

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. anch’io in quell’anno in via San Rocchino lessi quella frase sul muro. Non l’ho mai dimenticata. grazie Federica per averla ripresa dopo tutto questo tempo

    LEAVE A REPLY