Caparini si difende

    0

    Bruno Caparini, designato da Paroli a entrare nel Consiglio di Sorveglianza di A2A, interviene per la prima volta dopo le parole pronunciate da Capra nell’assemblea di venerdì e lo fa discolpandosi dall’accusa di mancata segnalazione di un fallimento che una sua ditta avrebbe compiuto. Intervenuto con il figlio, l’onorevole leghista Davide, alla celebrazione per il 2 giugno in Prefettura, Bruno Caparini sottolinea che lui era solo un socio dell’azienda Tecas Cavi, fallita con sentenza del Tribunale di Brescia nel marzo 1987. Questo fatto non è stato inserito nel curriculum presentato per la candidatura a consigliere in A2A perchè non ritenuto significativo: la dichiarazione di fallimento della Tecas Cavi fu eseguita dal presidente della società, non dai soci.
    a.c.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome