Multe contro la zanzara tigre

0

Arriva l’estate e, puntuale come ogni anno, riappare la zanzara tigre. Insetto pericoloso oltreché fastidioso, la zanzara tigre sembra proliferare con più facilità nelle ultime estati: il Comune di Brescia non sta a guardare e si attiva per fare in modo che negli spazi pubblici non vi siano occasioni che ne favoriscano la riproduzione, ma non è sufficiente (vedi la sezione dedicata dal sito del comune alla prevenzione della zanzara tigre). Anche i privati cittadini sono chiamati in prima persona ad eliminare le circostanze di proliferazione dell’insetto, evitando di lasciare contenitori di acqua all’aperto, svuotando almeno ogni 5 giorni i bidoni di raccolta dell’acqua piovana, mantenendo puliti stagni e vasche per i pesci. Multe salate per i trasgressori punibili con sanzioni fino a 500 euro, ma l’intento non è certamente repressivo quanto preventivo. L’assessore all’Ambiente Paola Vilardi e il responsabile del settore in Comune, Angelo Capretti, hanno presentato ieri in Loggia la campagna contro la zanzara tigre. Vilardi: «Abbiamo voluto porre attenzione particolare e abbiamo raddoppiato lo stanziamento per le disinfestazioni a 240 mila euro, il Comune può agire solo negli spazi pubblici e la collaborazione dei cittadini è indispensabile per evitare che l’insetto si riproduca in luoghi privati».
a.c.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome