Secondo il Pd è solo da ristrutturare

    0
    Bsnews whatsapp

    Il Rigamonti così com’è ora non è uno stadio che funziona. Su questo nessuno ha da ridire, né maggioranza né opposizione né tantomeno chi lo stadio lo utilizza, tifosi e società. Sulle soluzioni da adottare per risolvere la situazione però ci sono pareri discordanti. Il Pd cittadino sabato pomeriggio ha lanciato la proposta di ristrutturare in maniera sostanziale l’impianto, il modo migliore secondo Giambattista Ferrari, Alberto Martinuz, Aldo Rebecchi, Federico Manzoni e Giuseppe Ungari, appoggiati da Emilio Del Bono, per risolvere il problema e accantonare definitivamente l’ipotesi del nuovo stadio a Castenedolo. Lo stadio di Mompiano sorge su un’area di 70mila metri quadrati, più che sufficiente secondo gli esponenti del Pd per ricavare strutture di accoglienza (al pari di quelle che verrebbero create nel "Global Center" di Castenedolo) e uno stadio a misura di tifoso, con tribune e curve avvicinate al terreno di gioco. Non ci sarebbe nemmeno bisogno di chiudere l’impianto, i lavori potrebbero progredire secondo settori distinti, prima il rifacimento delle curve, poi delle gradinate. I costi, da non sottovalutare in questo periodo, potrebbero attestarsi sui 10 milioni di euro secondo Rebecchi e i lavori potrebbero iniziare entro poco. La viabilità fuori dall’impianto? Già non funziona male, e in prospettiva futura le cose potrebbero solo migliorare con la metropolitana che arriverà nella vicina stazione in costruzione.
    a.c.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    RISPONDI