Cura dimagrante per tutti

    0

    D’accordo, e’ solo una bozza, ma le novita’ introdotte dalla "Carta delle autonomie locali" sono numerose e decisamente importanti, e fanno discutere tutto il mondo politico bresciano.
    Stese con l’obiettivo di snellire la macchina burocratica decentrata, e quindi risparmiare denaro, le novità proposte sono rappresentate dal taglio del numero dei consiglieri comunali (a Brescia si passerebba da 40 a 30), le giunte (8 e non più 10 elementi nella nostra città), dal cancellamento delle Circoscrizioni, dall’eliminazione del difensore civico e del direttore generale. Diminuzione anche del numero dei consiglieri provinciali, da 36 a 24, gli assessori in Broletto passerebbero da 11 a 8. Scomparirebbero le comunità montane e i bacini imbreferi. E’ facile immaginare le proteste dei nostri amministratori che, da destra e da sinistra, criticano la bozza di Calderoli & C. Del Bono e Castelletti se la prendono con la Lega e il suo presunto federalismo che a dispetto delle parole taglia i rapporti con il popolo che si allontanerebbe ancor di più dagli amministratori, i presidenti di circoscrizione (a Brescia sono tutte e cinque guidate dal centrodestra) vorrebbero abbassare a 150mila la soglia dei 250mila abitanti necessari per il mantenimento delle circoscrizioni. I presidenti delle comunità montane (vere, le nostre, a differenza di quelle sorte a livello del mare) considerano addirittura incostituzionale la bozza presentata essendo le comunità materia di competenza regionale.
    a.c.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome