Altri 5 pozzi sequestrati

    0

    E siamo a 10. Tanti sono i pozzi sequestrati negli ultimi mesi a causa dell’allarmante presenza di cromo esavalente, sostanza altamente tossica e cancerogena. Dopo i sequestri dei mesi scorsi gli uomimi del Nita, Nucleo Investigativo di Tutela dell’Ambiente, hanno provveduto a mettere i sigilli a ulteriori 5 pozzi, due allacciati all’acquedotto e tre privati. Per quanto riguarda i primi due i valori di cromo riscontrati nell’acqua sarebbero prossimi al limite fissato per legge a 50 microgrammi per litro; in quelli privati il limite sarebbe stato ampiamente superato. Tutti e cinque i pozzi sono collocati in zona sud della città, non distanti dall’azienda in cui lo scorso novembre si verificò il versamento di cromo dalle vasche per la cromatura (leggi la notizia).
    a.c.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY