Elevare la qualita’ urbana

    0

    Il Piano Casa promosso con legge regionale per rilanciare l’edilizia in Lombardia, è stato oggetto di discussione ieri in Loggia, dove era riunita la commissione urbanistica presiduta da Marco Toma.  Il  piano consente aumenti fino al 20% delle volumetirie edificate e del 30% nel caso di demolizioni e ricostruzioni effettuate secondo i principi di risparmio energetico. La giunta intende applicarlo come occasione di riqualificazione urbana secondo una strategia precisa. Da una parte intende offrire contributi a quanti intendano ampliare la propria abitazione, dando così un aiuto concreto a un settore in forte crisi. Dall’altra intende escludere dal piano il centro storico cittadino. Secondo i tecnici,  capeggiati dal consulente urbanistico della Loggia, professor Francesco Karrer,  non c’è abbastanza tempo per valutare la situazione e stabilire come circoscrivere in modo ottimale l’applicabilità del piano nel centro città.  Una decisione definitiva deve infatti essere presa entro il 15 ottobre.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Be’, niente male: non c’è tempo, quindi non si decide niente.
      Fatemi capire: con i soldi delle mie tasse pagherò il contributo ai signori di Costalunga perchè possano ampliarsi le loro ville? E Via Boifava? Non si fa nemmeno un cenno al vincolo paesistico-ambientale? Non esisteranno limitazioni nemmeno lì perchè non c’è tempo? Del piano casa non se ne parla da oggi: nessuna riflessione preventiva da parte della nostra amministrazione? Altro che non c’è tempo…

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome