Il Montichiari vince di misura

    0

    Montichiari-Manzanese 1-0

    Montichiari (4-4-2). Brignoli n.g.; Verdi 6,5; Caruso 6; Zaffagnini 6,5; Guatta 6; Girardi 6 (31′ s.t. Filiciotto n.g.); Baresi 6 (17′ s.t. Fusari 6); Selvatico 6,5; Muchetti 6; Ferrari 6; Cremona 6 (17′ s.t. Negrello n.g.). A disposizione: Gambardella; Quaresmini, Giuricich; Bertazzoli. All: Gobbo.

    Manzanese (4-4-2): Del Mestre 6,5; Terrida 6; Sellan 7,5; Folla 6,5; Gallinelli 6; Godeas 6; Candotti 6; Maracchi 6; Giraldi 6 (29′ s.t. Strussiat n.g.); Cucchiaro 6,5 (35′ s.t. Magri n.g.); Barreca 6,5. A disposizione: Toppazzini; Tonizzo; Salvadori; Venturini; Osso A. All: Zanutta.

    Arbitro: Rasia di Bassano del Grappa 6.

    Reti: 45′ s.t. Ferrari.

    Note: spettatori 550 circa (prima della partita lo Stadio Menti ha ospitato la presentazione delle squadre del settore giovanile dell’AC Montichiari e della Virtus Montichiari) – angoli 6-2 per il Montichiari – espulsi: Gallinelli al 47′ s.t. – ammoniti: Baresi; Fusari; Candotti; Maracchi; Giraldi – recupero: 2′ e 5′.

     

    Il Montichiari conquista una vittoria dal significato importantissimo all’ultimo assalto. La squadra rossoblu è infatti riuscita ad avere ragione dell’attento schieramento difensivo di una ostica Manzanese proprio all’ultimo tentativo, quando anche il più ottimista dei tifosi rossoblu cominciava a mettersi l’animo in pace. Proprio all’inizio del recupero, invece, Ferrari, servito al centro dell’area friulana, è riuscito ad arpionare e a riprendere il pallone disegnando il diagonale che ha infranto quello che ormai era diventato un autentico incantesimo, con i giocatori monteclarensi incapaci, nonostante la generosa insistenza, di trovare lo spunto decisivo. Sin dai primi minuti l’incontro con la compagine udinese mette in mostra la sua sceneggiatura, con la squadra allenata da Renzo Gobbo protesa a fare gioco ed a cercare di tradurre in "gol sonanti" la sua pressione costante. Sul fronte opposto, però, la Manzanese ha il grande merito di chiudersi con ordine, facendo perno su un eccellente Sellan e ribattendo caparbiamente colpo su colpo ai tentativi dei padroni di casa. Le occasioni iniziali di Girardi, Ferrari e Baresi rimangono così senza esito ed il primo vero brivido la difesa ospite lo corre al 12′, quando un cross di Selvatico su punizione viene deviato verso la porta da Ferrari, ma il pallone colpisce in pieno il palo. I friulani non riescono a presentarsi con una certa concretezza dalle parti di Brignoli, che non viene mai chiamato in causa e la compagine in casacca arancione riesce ad andare al tiro solamente su calcio di punizione e con un paio di fraseggi insistiti di Cucchiaro. Al 18′ Muchetti arpiona una palla nell’area piccola degli udinesi, ma spara una vera e propria bomba che si perde sul fondo. Dopo un paio di conclusioni di Ferrari e Baresi da posizione più che interessante rimaste senza esito, alla mezzora è Cremona a superare in dribbling un paio di difensori. L’attaccante rossoblu resiste ad un paio di cariche ed entra in area, ma non riesce a servire nessun compagno davanti a Del Mestre. Sul finire del primo tempo si fa viva anche la Manzanese, ma Cucchiaro non riesce a concretizzare il suo insistito slalom all’ingresso dell’area monteclarense. L’ultima emozione prima dell’intervallo è ancora di marca locale, con Ferrari che lanciato da Cremona e Muchetti beffa Del Mestre in uscita con un pallonetto, ma Folla gli impedisce il tapin vincente e spazza la minaccia. Nella ripresa la situazione rimane sostanzialmente immutata, anche se il Montichiari aumenta ulteriormente la propria pressione, tanto che il pubblico presente al menti assiste ad un vero e proprio assedio, un forcing che però non trova il guizzo e l’idea giusta per far saltare il fortino friulano. Ci provano ancora Cremona e Muchetti, ma Del Mestre è attento, mentre intorno al quarto d’ora è ancora Ferrari a ricevere due invitanti palloni che però si infrangono sulla schiena dei difensori ospiti. Brivido improvviso per la difesa rossoblu al 21′, quando Folla e Barreca, dimenticati dai difensori locali, si ostacolano in area su pallone che nessuno dei due riesce a colpire di testa. Sul versante opposto il Montichiari continua nella sua pressione. I rossoblu cercano di trovare il varco giusto aprendo a più riprese il fronte del gioco, ma lo spazio tanto desiderato non arriva. La squadra di Gobbo, nonostante l’impietoso scorrere dei minuti e l’ansia per un vantaggio che sembra non volerne proprio sapere di arrivare, ha il merito di continuare a spingere in avanti e proprio al 45′, quando ormai le speranze monteclarensi sono ridotte al lumicino, i padroni di casa sfondano sulla fascia sinistra. La palla giunge a Ferrari, che non riesce a superare il difensore friulano, ma la palla si ferma nell’area ospite ed è ancora lo stesso Ferrari a calciare in fondo al sacco un diagonale che vale davvero oro per il Montichiari che conquista così all’ultimo respiro tre punti che possono segnare la svolta della stagione per la compagine del presidente Maurizio Soloni.  

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY