Arriva la festa dell’aratura

    0

    Una manifestazione tutta da scoprire, composta in un dosato mix da sport, tradizione, passione e cultura è senza dubbio il Campionato Italiano di aratura all’antica, competizione che domenica 4 ottobre farà tappa a Castel Mella per vivere la sua seconda prova.

    Un momento, dunque, che merita di essere seguito con la massima attenzione e che segue la prima sfida stagionale che si è svolta lo scorso 19 luglio a Gazzuolo (in provincia di Mantova). Una prima contesa che pone in testa alla classifica provvisoria Roberto Zonta, ma Nino Lancellotti, Gottardo Longhini e Giuliano Bottoli inseguono nell’ordine a pochi punti di distanza e meditano di affidare alla gara in terra castelmellese (l’appuntamento è fissato in via don Bergomi) il compito di realizzare il desiderato sorpasso, ponendo magari le basi per la conquista del primo premio finale (un fantastico trattore d’epoca) proprio in provincia di Brescia.

    L’iniziativa, promossa dal Comitato organizzatore presieduto da Giovanni Monzaschi e, che come ha ribadito l’assessore al commercio di Castel Mella, Mauro Galeazzi, mira al tempo stesso a valorizzare le tradizioni e la cultura della nostra terra e ad offrire una valida occasione di ritrovo per il maggior numero possibile di persone, è ormai pronta alla partenza.

    L’organizzazione, curata proprio dalla locale Amministrazione comunale con il patrocinio della Provincia di Brescia, della Camera di Commercio di Brescia e dell’Unione Provinciale Agricoltori, ha predisposto nei particolari tutto quello che serve per dare luogo all’attesa seconda prova ed ora la parola sta per passare ai concorrenti, che giungeranno da diverse regioni d’Italia (e in particolare dal Nord) e si cimenteranno con tutta la loro abilità nelle prove proposte dalla giuria.

    L’inizio delle gare è fissato per le 9 e al termine della sfida tutti i partecipanti con i loro affascinanti trattori sfileranno per le vie di Castel Mella regalando uno spettacolo davvero senza tempo e tutto da gustare.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY