Michele, una morte straziante

    0

    Una tragedia di quelle di cui non si vorrebbe mai scrivere. Michele Zipponi, ragazzino undicenne di San Giovanni di Polaveno, ha trovato la morte ieri pomeriggio mentre stava giocando in casa sua, incastrato nel vano del montecarichi della taverna.
    Dopo il pranzo Michele era solito passare un po’ di tempo nella taverna, e così anche ieri. Per cause del tutto ignote, forse solo per curiosità, il ragazzino ha azionato il montecarichi utilizzato per trasportare legna dalla taverna ai piani alti della casa ed è fatalmente rimasto con la testa incastrato mentre il meccanismo si è messo in moto. A trovare il suo corpo privo di vita la madre, Gabriella Poli. Immediatamente è giunta sul posto l’ambulanza del 118 ma ormai non c’era che da constatare il decesso di Michele. Il padre, Giuseppe Zipponi, elettricista manutentore in un pastificio di Iseo, è stato richiamato dal lavoro ed è giunto sul posto trovando già la casa invasa da parenti e amici vicini alla famiglia.
    Dolore immenso nella piccola comunità di San Giovanni. Tutti conoscevano Michele, alunno di prima media tranquillo, solare e sempre allegro. Appena giunta notizia a scuola le lezioni pomeridiane sono state sospese; martedì o tutt’alpiù mercoledì il funerale, nel paese sarà proclamato lutto cittadino.
    a.c.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY