Divieto Euro 2: i comuni coinvolti

    0

    Tra pochi giorni, il 15 ottobre, entra in vigore il divieto di circolazione per i veicoli Euro2 in tutta l’area critica lombarda denominata A1.
    Per rispondere alle numerose richieste di chiarimento in merito all’area interessata dal divieto elenchiamo di seguito, in ordine alfabetico, i comuni della nostra provincia facenti parte del provvedimento (dove è vietato circolare dalle 7.30 alle 19.30 dal lunedì al venerdì):
    BORGOSATOLLO
    BOTTICINO
    BOVEZZO
    BRESCIA
    CASTEL MELLA
    CASTENEDOLO
    CELLATICA
    COLLEBEATO
    CONCESIO
    FLERO
    GARDONE VALTROMPIA
    GUSSAGO
    LUMEZZANE
    MARCHENO
    NAVE
    REZZATO
    RONCADELLE
    SAN ZENO NAVIGLIO
    SAREZZO
    VILLA CARCINA.
    (Clicca qui invece per l’elenco di tutti i comuni lombardi dell’ara A1).

    Di seguito invece le misure per la limitazione del traffico veicolare, scaricabili anche dal sito di Regione Lombardia.

    La Giunta Regionale ha approvato, nella seduta del 29 luglio 2009, la D.G.R. n. 9958 che stabilisce i nuovi provvedimenti per ridurre le emissioni in atmosfera e migliorare la qualità dell’aria ai fini della protezione della salute e dell’ambiente.

    In particolare i provvedimenti si applicano alla Zona A1 del territorio regionale (d.G.R. n. 5290/07) per il periodo 15 ottobre 2009 – 15 aprile 2010 e riguardano il fermo della circolazione nelle giornate da lunedì a venerdì, escluse le giornate festive infrasettimanali, dalle ore 7.30 alle ore 19.30, dei veicoli "Euro 0" a benzina o diesel, "Euro 1" diesel ed “Euro 2” diesel e dei motoveicoli e ciclomotori a due tempi Euro 0.

    Inoltre, il fermo della circolazione di motoveicoli e ciclomotori a due tempi "Euro 0" è disposto con le seguenti modalità:
    dal 15 ottobre 2010: il fermo permanente della circolazione nella zona A1, da lunedì a domenica, dalle 00.00 alle 24.00

    dal 15 ottobre 2010 al 15 aprile 2011: il fermo della circolazione nelle zone A2, B, C1 e C2, come definite dalla d.G.R. n. 5290/07, da lunedì a venerdì, dalle ore 7.30 alle ore 19.30

    dal 15 ottobre 2011: il fermo permanente della circolazione, oltre che nella zona A1, nelle zone A2, B, C1 e C2, da lunedì a domenica, dalle 00.00 alle 24.00

    Una novità introdotta dalla d.G.R. 9958 riguarda inoltre l’obbligo di apporre su ogni autoveicolo una vetrofania che ne identifichi la classe Euro, il tipo di alimentazione e l’eventuale presenza di filtri antiparticolato;
    tale obbligo, e la relativa sanzione per mancata osservanza, entreranno in vigore il 15 ottobre 2010.

    Nella stessa delibera è stata infine apportata una modifica alla zonizzazione regionale (d.G.R. n. 5290/07), con l’inserimento del comune di Stezzano (BG) tra i comuni della zona A1 e il passaggio dei comuni di Montevecchia (LC) e Santa Maria Hoè (LC) in zona A2.

    Resta in vigore quanto deliberato nel provvedimento precedente, relativo al periodo invernale 2008/2009, compreso il divieto di utilizzo di biomasse legnose in apparecchi obsoleti.

    Con il decreto n. 11254 del 13/10/2008, la Direzione Generale Qualità dell’Ambiente ha proceduto all’individuazione delle tratte di collegamento tra le autostrade, le strade di interesse regionale R1, gli svincoli autostradali ed i parcheggi d’interscambio ricadenti all’interno della zona A1, escluse dal fermo della circolazione, in attuazione della d.g.r. 7635 dell’11 luglio 2008.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Provvedimento semplicemente assurdo. che senso ha non poter circolare in prossimità della città se poi ci passa l\’autostrada dove circolano decine di migliaia di veicoli al giorno? Chi mi da i soldi per cambiare la mia auto vecchia ma tenuta benissimo e perfettamente funzionante? è un incentivo a buttare le cose anzichè averne cura…

    2. Scusate ma qui non si capisce nulla cioè all\’inizio dice \" per i veicoli Euro2 in tutta l\’area critica lombarda denominata A1\" e poi dice solo quelli diesel… qualcuno mi chiarisce il punto?

    3. x Manuel: solo per gli euro 2 diesel.
      anche qui una castroneria dalle regione: se un veicolo è euro 2 lo è sia se si tratta di diesel che di benzina, che differenza fa?

    4. io ho un euro 2 diesel tenuta benissimo come nuova. Ora devo cambiarla e sinceramente non so come fsre. FORSE QUALCHE POLITICO DI CUORE potrebbe comprarmi un auto nuova. Ma mi chiedo? le caldaie oramai vecchie vecchissime fuori norma da chissa\’ quanti anni…. loro non hanno un blocco?

    5. significa che stanno dividendo il popolo italiano in solo 2 fasce.Ricchi e poveri.Hanno aspettato che iniziasse la crisi per poi tagliarci fuori e farci andare alla deriva.Io sono uno di quelli che e rimasto senza lavoro e che viveva la giornata ,adesso mi ritrovo anch\’io con euro2 disel e non mi posso permettere di cambiare la macchina,essendo senza referenze e busta paga.Così non riesco neanche a poter uscire dal paese per trovare lavoro o andare a un lavoro normale di orario.Grazie Stato italiano di aiutare il Popolo che paga le tasse.

    6. ma allora tutti i nostri soldi a fare bollini e revisioni buttati questo giochino serve a far riprendere la nostra industria? ma se le producono in polonia o in romania? noi spendiamo a comprare auto prodotte all\’estero ci obbligano a cambiare auto praticamente e chi ha fatto prestiti fino ad ora per andare avanti cosa fa\’ non puo\’ andare a lavorare lo stato italiano e\’ uno schifo …….

    7. ma allora tutti i nostri soldi a fare bollini e revisioni buttati questo giochino serve a far riprendere la nostra industria? ma se le producono in polonia o in romania? noi spendiamo a comprare auto prodotte all\’estero ci obbligano a cambiare auto praticamente e chi ha fatto prestiti fino ad ora per andare avanti cosa fa\’ non puo\’ andare a lavorare lo stato italiano e\’ uno schifo …….

    8. HO GROSSI DUBBI CHE LE AUTO VENGANO POI ROTTAMATE CONSEGNANO LE TARGHE MA L\’AUTO DOVE VA\’ A FINIRE?ALL\’ESTERO PROBABILE FATEVI UN GIRO A BS NEL PARCHEGGIO DEL LUNA PARK A S.POLO TIR PARCHEGGIATI PIENI DI AUTO VECCHIE SENZA TARGA CHISSA\’DOVE LE PORTANO? PERCHE\’ A UNA PERSONA CHE CONOSCO CHE COMPRA UN AUTO NUOVA RITIRANO PER ROTTAMARLA (COSI DICONO)PARI INCENTIVO A UN EURO 1 ,UN\’AUTO E\’ EURO 3?QUI I SOLITI FURBI CI MARCIANO I CONCESSIONARI …..

    9. INCENTIVI SULL\’USATO MANCO A PARLARNE BISOGNA FAR RIPRENDERE L\’ECONOMIA ITALIANI SPENDETE SPENDETE SPENDETE………PERCHE\’ C\’E\’ LA CRISI ……..MA STIAMO ANCORA BENE RISPETTO AL RESTO DELL\’EUROPA LO DICE IL GRAN CAPO …SI CERTO PERCHE\’ SIAMO PIU\’ RIMBAMBITI DI LORO …..CI STIAMO DISSANGUANDO…..PRESTITI MUTUI CARTE DI CREDITO CI ILLUDIAMO MA STAVOLTA ABBIAMO TOCCATO IL FONDO NO? POSSIAMO FARE PEGGIO SE CI IMPEGNAMO ……ADESSO ARRIVA NATALE …SPENDIAMO ….

    10. chi non ha gli euri che cosa fa x sostituire il veicolo si attacca al tram il mio veicolo e in ottime condizioni ma ascoltando loro va al macero non e giuso fate qualcosa ciao grazie

    11. Ho anche io un auto eu 2,lo tenuta come la mia fidanzata,sempre bella,adesso arrivano gli figli dei papa che fanno tutti giorni bella vita con le machine di lusso e che decidono per noi poveraci che non possiamo permeterci una auto piu nuova.vanno a vfg punto ciao

    12. trovo irrazionale e poco produttivo il provvedimento, in quanto l\’aria \’circola\’ e se mi si obbliga a fare percorsi alternativi inquinando di più in comuni limitrofi a quelli esclusi, gli stessi risentiranno dell\’aumento di particolato presente dovuto alle deviazioni obbligatorie. viviamo in un \’sistema aperto\’ e ogni cosa che facciamo si ripercuote sull\’intero sistema (o meglio ecosistema).

    13. L\’Europa sta morendo per le sue regole!! Adesso anche per andare in bici bisogna vestirsi da spazzini!!! …e io pago… e io pago… si, ma questi costi il resto del mondo non vuole pagarceli, quindi, l\’aumento delle spese produttive… dara\’ il colpo di grazia all\’Europa! Non solo all\’Italia!!! :D:D:D:D IO ENTRO FINE ANNO SARO\’ ALL\’ESTERO!!! HO CHIUSO LA DITTA!!! BASTA PAGARE ALLO STATO ITALIANO!!! :D:D:D:D:D IL MONDO NON E\’ SOLO ITALIA!!! C\’E\’ PIENO DI POSTI BELLI DOVE SI STA MEGLIO!!!! SALUTI!!!! :D:D:D:D:D

    LEAVE A REPLY