Domani c\’è la carovana Cgil

0

Partirà domani alle 14 (venerdì 16 ottobre) la «Carovana della solidarietà» ai presidi dei lavoratori delle aziende e della situazioni di crisi promossa dalla Camera del Lavoro di Brescia.

La carovana, che partirà dal piazzale Iveco di via Volturno (dove è in corso il presidio dei lavoratori della Mac), raggiungerà alcuni luoghi simbolici della città e della provincia, come l\’Atc di Rodengo (143 dipendenti), l\’Ideal Standard (133) o la Federal Mogul di Desenzano (196), tutte situazioni aziendali a rischio chiusura e che coinvolgono complessivamente oltre 700 lavoratori e lavoratrici.

Bastano queste due cifre per dare il segno dell\’enormità della crisi che sta attraversando anche la provincia di Brescia: 30mila assegni di disoccupazione e 32milioni di ore di cassa integrazione dall\’inizio dell\’anno.

Tra i luoghi toccati dal lungo serpentone di automobili ci saranno anche una clinica privata, a ricordare la lunga vertenza per il contratto scaduto che solo a Brescia riguarda oltre 2mila persone, e una scuola superiore, a simboleggiare i tanti precari del comparto pubblico e privato e le migliaia di lavoratori e lavoratrici “atipici” senza lavoro e senza ammortizzatori. La carovana sarà un modo per sensibilizzare l\’opinione pubblica sui temi della crisi che continua, sui problemi dell\’occupazione e sulle tante situazioni di difficoltà concrete della provincia di Brescia.

È intanto partito da alcuni giorni il progetto «Mutuo soccorso», raccolta fondi a sostegno di uomini e donne in difficoltà per la perdita del posto di lavoro ed a sostegno delle lotte per la difesa dell\’occupazione nelle fabbriche che licenziano.

Ad occuparsi della raccolta (e della segnalazione delle situazioni critiche) saranno direttamente i delegati della nei luoghi di lavoro. I fondi raccolti verranno consegnati alla Caritas della Diocesi bresciana e saranno utilizzati per la distribuzione di pacchi di alimentari e per l\’accesso al microcredito.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome