sex.com: in manette un bresciano

    0

    La prostituzione non è solo quella che si vede per strada. Ci sono forme ben più sottili e riservate, ma pur sempre illegali, di svolgere la professione. Ieri è finito in carcere il bresciano Davide Sbolli, guardia giurata 41enne, residente in città, che assieme a due vicentini gestiva un giro di prostituzione pubblicizzato attraverso internet. La polizia di Trieste ha chiamato l’operazione "sex.com": i tre arrestati acquistavano spazi pubblicitari sul web e poi li rivendevano, ad un prezzo intorno ai 200 euro mensili, a prostitute dell’Est e del Sudamerica che in questo modo si procuravano i clienti, ricevuti poi in appartamenti di Trieste e Udine.
    Au.Bi.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY