Montichiari a forza quattro

    0

    Il Montichiari si sta calando sempre di più nella mentalità della serie D, un Campionato dove la determinazione, la capacità di lottare e la concretezza sono le doti fondamentali. Una conferma di questo inserimento sempre più consolidato è giunta dalla trasferta di Belluno, che la squadra rossoblu è riuscita a trasformare in una preziosa vittoria (la quarta consecutiva) pur senza giocare certamente la sua migliore prestazione. Il fatto estremamente positivo è che in terra veneta la formazione di Renzo Gobbo, pur senza indossare i lustrini brillanti messi in mostra in altre occasioni, ha avuto la forza e la precisione di far fruttare al massimo i suoi sforzi e le sue potenzialità, trafiggendo i pur ostici bellunesi con due affondi che hanno lasciato il segno. Non è stata quella della formazione monteclarense una prova all’insegna dello spettacolo e delle occasioni da rete, ma capitan Baresi e compagni hanno avuto l’indubbio merito di saper colpire quando è capitata loro l’occasione. Una mentalità volta ad una maggiore concretezza che senza dubbio in serie D potrà rivelarsi molto utile e che, per fare definitivamente la differenza, richiede ora di essere affiancata da un’altra qualità che in questo torneo si rivela determinante. In effetti la formazione monteclarense riesce spesso e volentieri ad indirizzare le sorti della partita sul binario desiderato, ma non ha la stessa “prontezza” nel chiudere definitivamente a suo favore le sfide quando pure avrebbe l’occasione ed il modo di farlo. Un “peccato” che, oltre a riservare non pochi “spaventi” ai tifosi rossoblu, rischia di togliere dalla cassaforte del Montichiari punti preziosi (e pesanti) che magari sembravano già conquistati, trasformandosi così in una temibile zavorra per le ambizioni e le speranze della formazione del presidente Maurizio Soloni. Una situazione che può (e deve) essere cancellata con il paziente e determinato lavoro che Mister Gobbo ed i suoi giocatori sono chiamati a portare avanti nelle prossime settimane, ma che può già ricevere una significativa “cura” dalla capacità di soffrire della squadra monteclarense, che può e deve serrare le fila con volontà e convinzione anche nei momenti della partita durante i quali non tutto sembra andare nel verso giusto e le difficoltà si fanno sentire. Senza dubbio un mix di queste qualità, talento e tecnica da una parte e volontà e determinazione dall’altra, può consentire all’imbarcazione monteclarense di prendere il largo, raggiungendo i risultati desiderati e facendo fruttare a dovere tutte le potenzialità a sua disposizione. 

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY