Il Monti verso Venezia

    0

    Il ritmo frenetico del girone C della serie D non consente troppo di soffermarsi sugli episodi positivi o negativi che possono verificarsi lungo il cammino. Una situazione che viene accolta quasi con soddisfazione in casa del Montichiari, che invece di rammaricarsi sull’amara sconfitta interna con l’Este è già chiamato a concentrarsi sull’imminente trasferta che mercoledì 28 ottobre porterà la squadra rossoblu a Venezia. Proprio sul campo della squadra più illustre del torneo la formazione allenata da Renzo Gobbo è dunque chiamata a cancellare il passo falso con i patavini, confermando con tutto l’orgoglio e la determinazione necessari per realizzare una simile impresa il vero volto ed il reale valore di una compagine che intende essere protagonista in prima fila sino al termine della stagione. Riflessioni che indirizzano in un verso molto chiaro questo appuntamento infrasettimanale per Mister Gobbo ed i suoi giocatori. In effetti il Montichiari, proprio sul terreno della rivale più blasonata (e accompagnata da un pubblico che ancora ricorda le recenti avventure in serie A), deve dunque riprendere il discorso interrotto a sorpresa con l’Este, un obiettivo che richiede lo spirito giusto per capitan Baresi e compagni, che devono fare appello a tutta la loro volontà, alla loro voglia di lottare, alla concentrazione, all’orgoglio e alla convinzione a loro disposizione per superare a pieni voti questo autentico test della verità. Uscire con i tre preziosi punti in palio dal S. Elena non sarà affatto facile, ma in questo i rossoblu possono contare sull’incoraggiamento di un precedente davvero bene augurante. In effetti il 14 settembre 2005 (anche allora la gara fu giocata durante la settimana) la squadra monteclarense, in quella circostanza guidata in panchina da Stefano Bonometti, riuscì a vincere 1-0 in casa degli arancioneroverdi, infliggendo una delle principali delusioni alla compagine lagunare che alla fine del torneo balzò prepotentemente dalla C/2 alla C/1. Adesso è proprio il sospirato ritorno in C/2 (divenuta nel frattempo Seconda Divisione) a costituire il grande obiettivo di questo nuovo incontro tra Venezia e Montichiari, un duello diretto che nessuna delle due contendenti può permettersi di fallire. Premesse che rendono fin d’ora emozionante e tutta da gustare la super-sfida del S. Elena in vista della quale Renzo Gobbo ed i suoi giocatori hanno saltato il tradizionale giorno di riposo del lunedì, continuando a lavorare con intensità per riuscire così a dimenticare nel migliore dei modi lo scivolone con l’Este. Per il resto, visto il ravvicinato svolgimento della partita con i giallorossi patavini e l’altrettanto imminente derby di domenica in casa della Verolese, è probabile che Mister Gobbo si affidi al turn-over, cercando di dosare al meglio le energie a sua disposizione. A livello individuale non dovrebbe proprio essere della sfida l’esperto Quaresmini che è fermo ai box per noie fisiche, mentre il resto dell’organico dovrebbe essere in grado di rispondere alla chiamata dell’allenatore monteclarense. Sarà comunque proprio la rifinitura di martedì mattina ad offrire a Renzo Gobbo gli ultimi segnali per modellare lo schieramento del Montichiari che scenderà in campo a Venezia e dovrà dimostrare di possedere un cuore ancora più… Grande del celeberrimo canale veneziano.

     

    Per quel che riguarda la probabile formazione, infine, indisponibile Quaresmini e non al meglio Fusari, Renzo Gobbo dovrebbe schierare la sua squadra impostando una sorta di 4-4-2 molto elastico, che, per il momento, prevede solamente un paio di ballottaggi:

    (4-4-2)

    Brignoli

    Verdi (Filippini); Caruso; Zaffagnini; Guatta (Giuricich)

    Girardi (Quintieri); Baresi; Selvatico; Muchetti

    Cremona (Negrello); Ferrari

    A disposizione: Gambardella; Filippini; Giuricich; Fusari; Filiciotto; Bertazzoli; Negrello (Cremona).

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY