Polo logistico: solo il comune lo vuole

    0

    Un consumo di terra fertile pari a circa 40 ettari, 120mila metri quadrati coperti da capannoni alti sino a 30 metri. Un vero e proprio "mostro" nel cuore della bassa bresciana, fortemente impattante per quanto riguarda l’aspetto della pianura, l’inquinamento atmosferico, il traffico pesante (oltre 400 i camion che giornalmente arriverebbero al polo percorrendo la Quinzanese, già al collasso da anni), l’equilibrio idro-geologico (quanta acqua giungerà nel comune immeditamente a sud di Azzano Mella, Dello?). Eppure il comune e gli enti sovracomunali (provincia e regione, che mai si sono espressi chiaramente in contrarietà al progetto) che dovrebbero tutelare il cittadino non fanno nulla per fermare l’iter, acceleratissimo, che porta alla costruzione del polo logistico e di trasformazione di derrate alimentari.
    Ieri in mattinata l’incontro del comune di Azzano con i comuni vicini (Mairano, Dello e Capriano del Colle), a cui è seguita l’assemblea pubblica. Forti, fortissime le perplessità della cittadinanza a cui non interessano i 5 milioni di euro che entrerebbero nelle casse comunali ma la salute dei propri figli. Non resta che affidarsi alla sollevazione popolare: certo è sconsolante non poter fare affidamento sulle leggi e subire i progetti calati dall’alto, in pochi mesi, da amministratori.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY