Furto al bar parrocchiale, arrestati

    0

    Nella nottata del 12.11.2009, intorno alle ore 04.00, la locale Sala Operativa inviava due volanti presso il Centro Parrocchiale “Santa Giulia”, sito al Villaggio Prealpino, in quanto era pervenuta una chiamata al 113, da parte del parroco, che segnalava rumori sospetti provenire all’interno del bar posto al pian terreno del Centro parrocchiale.

    Giunti sul posto, gli agenti prendevano dapprima contatti con il richiedente e poi raggiungevano l’entrata del bar. Mentre gli operatori si accingevano ad entrare al suo interno, proprio in quel frangente si apriva la porta d’ingresso e ne uscivano due individui di nazionalità straniera. Uno veniva subito bloccato dagli agenti mentre l’altro uomo, in modo repentino, abbandonava lo zaino che portava sulle spalle e rientrava nel bar, chiudendo la porta d’ingresso blindata a chiave. Nel frattempo sopraggiungeva una terza volante inviata in ausilio e tutti gli agenti circondavano lo stabile al fine di riuscire a catturare il malvivente. Il titolare del bar avvisato di quanto stesse accadendo, raggiungeva i poliziotti e permetteva loro di entrare all’interno del bar, con le chiavi in suo possesso. Gli operatori trovavano il ladro nascosto dietro un armadio e riuscivano a bloccarlo, traendolo in arresto. I due stranieri, S.M. del 1975 e R.M. del 1968, entrambi di nazionalità marocchina e con diversi precedenti penali, venivano sottoposti a perquisizione personale e controllati gli zaini in loro possesso al momento del furto. Al loro interno venivano rinvenuta la somma di 1.300 euro, in monete di vario taglio, e diversi attrezzi utilizzati per forzare le “slot machine”. I due arrestati, in diverse occasioni, avevano tentato di divincolarsi nel tentativo estremo di darsi alla fuga e avevano minacciato pesantemente gli agenti intervenuti. Tutti i tentativi risultavano vani e i due venivano accompagnati in Questura ove, dopo le procedure del caso, venivano associati presso la Casa Circondariale di “Canton Mombello” in quanto arrestati per furto aggravato in concorso e contestualmente indagati per minaccia e resistenza a Pubblico Ufficiale. Dai sopralluoghi effettuati dai poliziotti, verificando il possibile varco utilizzato dai due ladri per entrare nel bar e non trovando alcuna infrazione, si è giunti all’ipotesi che i due uomini , si erano nascosti al suo interno, prima della chiusura. Inoltre durante l’operazione, veniva anche sequestrata l’autovettura di proprietà di S.M., parcheggiata nelle vicinanze del bar ed utilizzata dai due malviventi per raggiungere il luogo.

    Sono in atto indagini per verificare eventuali responsabilità a loro carico in relazione ad altri furti presso esercizi pubblici, avvenuti in questo capoluogo.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome