Ecco gli sconti-spesa anticrisi

    0

    Si arricchisce di un nuovo tassello la strategia anti-crisi promossa dall’Amministrazione Comunale di Roncadelle per venire incontro alle famiglie del paese più in difficoltà. Da alcuni giorni infatti è possibile fare spesa in alcuni esercizi commerciali presenti sul territorio usufruendo di uno sconto concordato con il Comune.

    Ma facciamo un passo indietro. Il Comune di Roncadelle fu uno dei primi, già alla fine dello scorso anno, a muoversi per fronteggiare la crisi economica; una tempestività che venne riconosciuta anche dal periodico dell’ANCI regionale “Strategie Amministrative”, che sul numero del marzo scorso dedicò al comune del hinterland bresciano un bell’articolo di approfondimento. Il sindaco Michele Orlando dapprima convocò un tavolo a cui vennero invitate le maggiori imprese presenti in paese, per verificare gli effetti concreti che la crisi globale stava producendo su Roncadelle; poi inoltrò l’esito di quel confronto al Prefetto vicario, quale rappresentante diretto del Governo nazionale; infine adottò un provvedimento che prevedeva uno stanziamento anti-crisi al fine di poter erogare un contributo specifico a quei cittadini che si fossero trovati in una situazione di cassa integrazione, mobilità, licenziamento o mancato rinnovo di un contratto precario. Anche in questo caso il “modello Roncadelle” fece scuola, tanto è vero che il bando predisposto venne preso ad esempio sia dal distretto socio-sanitario Brescia Ovest, sia dal tavolo istituzionale provinciale che ha coinvolto enti locali, sindacati, associazioni di categoria.

    Nel frattempo, però, la crisi ha continuato e sta continuando a manifestare i propri effetti negativi; per questo l’Amministrazione di Roncadelle ha pensato di fare un ulteriore passo in avanti. Nei mesi scorsi sono stati presi contatti con i diversi operatori commerciali che vendono di beni di prima necessità presenti sul territorio e si è chiesta loro la disponibilità a praticare degli sconti a favore di alcune famiglie segnalate dai Servizi Sociali. Hanno risposto affermativamente l’ipermercato Auchan (che pratica uno sconto del 5%, aggiuntivo alle varie promozioni) e la Coop di via Marconi, il negozio alimentare di Facchinetti in via Roma e la Forneria di Parissenti di via Martiri della Libertà (che praticano invece uno sconto del 10%). Per motivi di privacy non è dato sapere che tipo di scelta hanno fatto le 50 famiglie interessate, ma sembra che la maggior parte abbia scelto di far riferimento all’Auchan, forse per il fatto che un negozio più grande garantisce una maggiore riservatezza e una minore esposizione personale.

    “Forse è vero che l’economia mondiale sta dando piccoli segni di ripresa – afferma il sindaco di Roncadelle Michele Orlando – ma gli effetti sociali della crisi si stanno manifestando ancora appieno, in tutta la loro drammaticità: per questo abbiamo deciso di aggiungere un ulteriore tassello alla strategia anti-crisi che abbiamo avviato circa un anno fa, per dimostrarci ancora più vicini alle famiglie in difficoltà. Anche questa volta abbiamo voluto evitare due cose: dare aiuti a pioggia, magari anche a chi non ne ha bisogno, e fare scelte clientelari. Per questo abbiamo chiesto alla nostra assistente sociale di valutare le situazioni più delicate, di decidere in totale autonomia quali meritano gli aiuti e di comunicarne i nomi agli operatori commerciali garantendo il massimo di riservatezza possibile. Approfitto per ringraziare i 4 esercizi che hanno aderito a questa iniziativa, per la sensibilità e la disponibilità dimostrate.

    È una bella iniziativa, questa, che dimostra che a Roncadelle tutti gli sforzi che stiamo facendo, in particolare in un momento difficile come questo, servono affinché nessuno, tra coloro che hanno più bisogno, venga lasciato solo”.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY