Truffa da 100mila euro alla Ue

    0

    Non trova sosta l’impegno operativo dei Reparti dipendenti del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Brescia per contenere il fenomeno dei reati extratributari in particolare a contrasto delle indebite percezione di contributi della Comunità Europea.

    I Finanzieri della Tenenza di Desenzano, guidati dal tenente Stefano SARTORATO, nel corso di riscontri documentali ad un’azienda agrituristica di Lonato (BS), hanno appurato che la stessa ha indebitamente percepito un contributo stanziato dall’Unione Europea pari a 100.000 euro.

    Il titolare dell’azienda, T.T., 43 anni, originario di Desenzano del Garda (BS) ma da anni residente a Lonato del Garda (BS), si era precostituito documentazione fiscale attestante falsamente l’avvenuto sostenimento di spese di ristrutturazione ed acquisto di arredamenti per la sua azienda agroturistica.

    Nel corso degli accertamenti contabili è stato appurato che il raggiro alla Comunità Europea è stato possibile attuarlo da parte di T.T. attraverso la complicità dei titolari di due aziende fornitrici di attrezzature e arredamenti – C.F. 45 anni e C.R. 51 anni -, uno di Toscolano Maderno (BS) e l’altro di Roé Vociano (BS). Questi hanno infatti consegnato a T.T. fatture attestanti falsamente la vendita di attrezzature e arredamenti.

    I due complici,pertanto, dovranno rispondere sia per l’emissione di fatture false sia per il concorso con T.T. per l’indebita percezione del contributo di 100.000 euro.

    T.T. è stato altresì denunziato anche per il reato di natura strettamente tributaria quale la presentazione di dichiarazione fraudolenta, nella considerazione che nella contabilità aveva annotato le fatture fittizie in questione.

    Sono state avviate le procedure di recupero del contributo da parte della Regione Lombardia.

    I tre imprenditori sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Brescia per i reati sopra descritti che prevedono, oltre alle sanzioni pecuniarie fiscali, la reclusione fino a cinque anni ed una ulta per alcune migliaia di euro.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY