200mila biglietti in meno in un anno

    0
    Bsnews whatsapp

    Un calo così vistoso era difficilmente ipotizzabile, ma analizzando in dettaglio la situazione del trasporto urbano a Brescia l’impressione che se ne ricava non può essere molto distante dalla realtà.

    Centro storico aperto alle auto, parcheggi in aumento (anche in piazze come quella del Duomo), corsie riservate agli autobus che spariscono, lavori per la metropolitana che sconvolgono le corse e gli orari degli autobus: tutto questo non può che portare ad una diminuzione del numero di biglietti venduti per il trasporto cittadino. Circa 200mila in meno da gennaio sino a fine novembre rispetto agli stessi undici mesi del 2008. Fortunatamente "tengono" gli abbonamenti, anzi i passeggeri che li utilizzano sono cresciuti di 57mila unità (chi si abbona? Gli studenti, gli immigrati e gli anziani, le fasce "deboli" della popolazione, coloro che non possono comprarsi l’automobile e sono obbligati ad utilizzare il mezzo pubblico che gode ormai di pochissimo appeal), ma il bilancio è assolutamente in rosso, anche quello delle entrate per Brescia Trasporti, in calo del 5%.

    Urge un cambio di rotta, aspettare la metropolitana potrebbe essere troppo tardi anche perché certe abitudini (l’utilizzo della macchina sempre e comunque) difficilmente si perdono.
    a.c.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. Esempio di questa mattina: ho un appuntamento alle 10 a poca distanza da casa mia (da Sanpolino a Via Duca degli Abruzzi), esco di casa alle 9 e 05 e raggiungo la fermata (capolinea) dove l\’autobus dovrebbe partire alle 9 e 09 ma è già partito con un leggero anticipo. Il prossimo parte alle 9 e 29.
      Mi avvio a piedi e raggiungo Via del Verrocchio a 4 fermate di distanza (a stare fermi il freddo si sente di più). Guardo l\’orario, sono le 9 e 22 circa e l\’autobus è segnalato per le 9 e 31. Aspetto. Alle 9 e 33 vedo il bus che passa nella direzione opposta e mi domando cosa possa essere successo. Telefono a Bs Trasporti e mi dicono che una corsa è saltata perché in via Villa Glori non si sono alzate le sbarre del passaggio a livello e alle mie lamentele riattaccano il telefono.
      Alle 9 e 47 circa finalmente sono salita sull\’autobus e sono arrivata in ritardo all\’appuntamento.

    2. Questa città da un po di tempo sta scendendo confronto a prima questa giunta stà sconvolgendo quello che c\’era stato dato.Le corsie preferenziali ai Bus sono state tolte ed il bus deve andare a passo d\’uomo tra il caos e lo stress mattiniero. Mettiamoci nei panni di un autista che deve assolutamente stare molto attento a ciò che può capitare. Gli autobus che non mantengono più il proprio arario appunto causa traffico intenso. Brescia ora deve assolutamente campiare i propri percorsi causa principale la metropolitana che stà facendo deviare le proprie linee. I lam che prima \"apparentemente\" scorrevano ora sono diventati delle limache. Brescia Trasporti si deve dare una svegliata e studiare le metologie giuste. Non parliamone poi dei parcheggi selvaggi dove passano i Bus….

    RISPONDI