Goldman Sachs declassa A2A

    0

    Gli analisti della famosa banca d’affari americana Goldman Sachs hanno diffuso le loro valutazioni sulle maggiori aziende mondiali, valutazioni tanto prestigiose e affidabili da avere una ricaduta immediata sull’andaento in borsa delle quotate. Cattive notizie per quanto riguarda A2A: il giudizio sulla multiutility municipalizzata duale di Brescia e Milano è stata infatti declassata e la raccomandazione per gli affaristi è passata da "buy" (titolo da acquistare) a "neutral" (nessuna particolare prospettiva di guadagno-crescita).

    Ieri a fine giornata a Piazza Affari il titolo ha avuto solo una leggera flessione di 0,35%, durante la giornata la flessione è stata anche dello 0,7%. I primi commenti politici alla notizia non si sono fatti attendere: dal Pd Tolotti e De Martin: «Non si tratta certo di un bel segnale per il nuovo corso di A2A, fortemente voluto dal sindaco Paroli. Esprimiamo preoccupazione per le ricadute negative sull’andamento del titolo in Borsa e per le conseguenze sulla disponibilità di risorse del Comune e dei risparmiatori. Riteniamo non più rinviabile un confronto approfondito, nelle sedi istituzionali, sul profilo strategico di un’azienda che, oltre ad erogare servizi per una parte significativa del territorio bresciano, vede il Comune di Brescia fortemente impegnato nell’assetto societario.»
    a.c. 

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. LA FUGA degli investitori da A2A.
      E\’ solo l\’inizio purtroppo perchè manca una strategia vincente che faccia perno sulla green economy.
      Si cincischia con il nucleare che è comunque un investimento di lungo periodo con rischi enermi.
      Si sta perdendo il rapporto col territorio nostrano che era il punto di forza di ASM Brescia e in alternativa ci si va a infilare nell\’inferno napoletano di Acerra e dintorni.
      E gli amministratori fantasiosi come Caparini della Lega, tanto per cambiare la tendenza europea verso la concorrenza, propongono la mega municipalizzata lombarda con una maxi incorporazione in A2A che sarà il nuovo carrozzone da spartirsi con la cdo formigoniana.
      Cittadini azionisti e Piccoli azionisti….muoviamoci.

    2. Beh!..insomma..! La bocciatura di A2A era nell\’aria fin dai tempi di questa \"dannata\" fusione che si è dimostrata un bel danno,e non solo di immagine,per la Civitas bresciana.Fusione che fu voluta un pò da tutti,illusi di metter sotto l\’ esprit d\’ elite dei Bauscioni meneghini. C\’è proprio bisogno del parere di Goldamann Sachs,per inquadrar cosa in modo realista?

    LEAVE A REPLY