Bottiglie incendiarie contro carabinieri

    0

    “Calda” accoglienza quella ricevuta dagli agenti del 112 intervenuti in un’abitazione di Soprazzocco di Gavardo a placare una lite famigliare. I militi sono stati chiamati da una donna in seguito  all’ennesimo litigio con il convivente. La coppia da tempo aveva dei problemi e, nonostante la nascita di un bambino, le liti tra i due erano divenute sempre più frequenti e violente. Ieri la situazione  è degenerata. L’uomo, 32 anni, avrebbe richiesto che il bambino, due anni, gli venisse affidato. Al rifiuto della compagna, ha perso il controllo e si è barricato in casa, rifiutandosi di uscire.  La pattuglia del 112, giunta sul posto, ha intimato all’uomo di uscire. In risposta, il 32ennne ha scagliato contro di loro delle rudimentali bottiglie molotov, tentando poi la fuga attraverso il tetto di casa.  Raggiunto dai militi, è stato poi messo in stato di fermo.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY