Più serietà nel voto in condotta

    0

    Dopo il primo giro di prova dell’anno scorso, quest’anno il voto in condotta viene preso in considerazione con più serietà. Passato in sordina negli anni passati, diventa oggi un elemento importante per la valutazione del profitto degli studenti. Farà media con gli altri voti e la cosa non è da sottovalutare se si vuole accedere alla maturità.Quest’anno è prevista  la sufficienza in tutte le materie, per molte delle quali, per il giudizio, si farà ricorso a insegnanti esterni. Molto più duro anche l’esame preliminare per l’accesso dei privatisti alla maturità. Decisione questa,presa per evitare all’alunno che sapeva di non essere ammesso si ritirasse entro il 15 marzo per ripresentarsi come esterno. Si spera che questo giro di vite, faccia capire a tutti, insegnanti e alunni che la scuola non è un momento di passaggio da prendere alla leggera, ma un impegno serio, utile a  preparare ad affrontare con serietà e impegno i problemi della vita.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY