Monari invita a non protestare

    0

    Il vescovo Luciano Monari tramite il settimanale della curia bresciana "La voce del popolo" emette un altolà alla mobilitazione dei fedeli che si oppongono allo spostamento di parroci e curati operato appunto dalla curia.

    Mette un po’ le mani avanti il vescovo, contro quelle petizioni di fedeli che quasi sempre protestano quando il proprio parroco lascia il paese. A volte si creano delle situazioni spiacevoli, proprio quello che Monari vorrebbe evitare: «Le petizioni chiedono di non trasferire un prete, ma non possono dire come risolvere il problema alla radice del trasferimento, creano difficoltà nel prete che dovrà trasferirsi e in quelli che dovranno continuare il suo servizio pastorale. Non si dà mai una parrocchia a un prete come "premio" o come "castigo", nè gli si chiede di cambiare parrocchia per "promozione" o per "punizione"».

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Questo Vescovo,che ho sentito in una conferenza all\’Arnaldo,e che seguo da quando è a Brescia,nell\’azione di rimodulare una comunità che,in passato, ha voluto sempre mettere in risalto sue presunte peculiarità che la distinguessero dal resto del Mondo, mi piace molto;piace a tutti i \"Laici attenti\" che ne vedono alcune aperture interessanti che richiamano gli spunti incisivi degli ultimi Papi ;quelli stranieri.
      Da questo piacentino,teorico della FEDE e pragmatico nell\’AZIONE,la Società Bresciana potrà trarre nuova forza per ditricarsi dalla palude dell\’ipocrisia istituzionalizzata, in cui spesso si cristallizza.

    2. A parte qste cose teoriche….. carissimo vescovo hai piena la curia di preti, e ve ne sono molti imboscati forse sarebbe il caso anche di rispettare noi piccole comunità e di farci arrivare un prete….Cmq la ricordiamo sempre

    3. Caro ALEX,
      1- linguaggio e scrittura un molto naif
      2- Giudizi non rispettosi ed approssimativi sui sacerdoti
      3- Uso del nickname come se il tuo Vescovo fosse un tuo occasionale compagno di web con cui vuoi dialogare; ma in in anonimo.

      Mi Chiedo: Monsignir Monari è un pastore d\’anime e tu saresti una delle sue anime? Non serve ricordarlo sempre dopo avergli quasi strappato di dosso la tonaca.Suvvia,il suo breve sproloqio mette in imbarazzo perfino un ATEO DEVOTO come il sottoscritto.

    LEAVE A REPLY