La provincia si mobilita per Garatti

    0

    Il Consiglio provinciale boccia la mozione presentata dal Pd a sostegno del nostro chirurgo Marco Garatti (leggi qui la notizia) ma il resto della provincia si sta mobilitando.

    I colleghi medici e attivisti di Emergency-Brescia hanno organizzato su tutto il territorio provinciale una raccolta firme chiaata "Io sto con Emergency". Non solo: numerosi sono gli incontri pubblici in programma in questi giorni, incontri che servono a fare chiarezza sul ruolo dell’associazione nei luoghi di guerra. Oggi a Vobarno, domani a Rezzato e Brescia, poi a Limone di gavardo e Castegnato, tanti appuntamenti organizzati da tempo ma che alla luce della vicenda afghana assumono un significato del tutto nuovo.Intanto dall’Afghanistan le notizie dei tre medici arrestati arrivano col contagocce. Ieri pareva che uno dei tre potesse essere scarcerato, ma così non è stato.
    Il gruppo bresciano di Emergency si sta attivando per partecipare alla manifestazione nazionale programmata per sabato: la partenza da Brescia è prevista alle ore 5.45 di sabato mattina dal piazzale della OM in via Volturno.

    Non solo Emergency si è mossa a sostegno di Garatti: venerdì alle ore 18 il Movimento Nonviolento ha organizzato un’ora di silenzio in piazza Rovetta per richiamare l’attenzione, pacificamente, sui medici arrestati (per informazioni: 0303229343, oppure movimentononviolento.bs@alice.it).
    a.c.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. L\’amministrazione provinciale ha perso un\’altra occasione, certo pochi erano i dubbi riguardo l\’impegno e la presenza in ambito sociale, sperperare cifre astronomiche per consulenze (leggi premi elettorali) e lesinare stipendi ai propri dipendenti è indice dell\’arroganza che la caratterizza. Non schierarsi a fianco di un concittadino che tanto lustro ha dato e continuerà a dare alla nostra città è solo bieco cinismo. Fortunatamente Marco ed i suoi colleghi possono contare sulla solidarietà e vicinanza di molti umili nel mondo intero. Grazie Matteo Marco e Matteo, preghiamo per voi

    LEAVE A REPLY