200 milioni di investimenti

    0

    Ampliamento della superficie coperta dal teleriscaldamento, potenziamento delle tubature di trasporto del calore, manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti e riqualificazione della centrale di Lamarmora. I prossimi interventi messi in capo dalla multiutility andranno in queste direzioni.

    I lavori sono stati presentati ieri alla Commissione Lavori Pubblici. Rispetto a quanto si pensava fino ad alcuni mesi fa, la legge impedisce, di fatto, la costruzione di una centrale a turbogas vicina all\’impianto esistente: questo il motivo dell\’abbandono del progetto e la scelta di potenziare il termoutilizzatore per raggiungere più utenti (attualmente sono 130mila i cittadini che usufruiscono del teleriscaldamento). Qualcosa per rispettare la legge è già stato fatto: le linee 1 e 2 funzionano sollo a gas e non più a olio combustibile e a breve verranno installati sulla linea 3 dei filtri particolari per l\’abbattimento del 70% degli ossidi di azoto. Nessuna intenzione, per ora, di abbandonare il carbone per non dipendere esclusivamente dal metano che arriva dall\’Europa dell\’Est. Il nucleare? A2A lo aspetta.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome