Del Bono replica a Rolfi

    0
    Bsnews whatsapp

    Il capogruppo del Pd in Loggia risponde a Rolfi in merito alla decisione di non entrare nel consiglio di Brixia Sviluppo. 

    «La minoranza ha il diritto di essere rappresentata nelle società partecipate e controllate dal Comune. È una tradizione della nostra città che, pur interrotta negli ultimi anni resta un principio fondamentale». Per Brixia Sviluppo però il discorso di Del Bono è differente: «Fin dall’inizio abbiamo contestato la legittimazione di questa società, controllata al 100% dal Comune ma che con il Comune non ha alcun contratto di servizio: un elemento di debolezza a cui si poteva ovviare se il consiglio comunale avesse dato di volta in volta un mandato operativo. Brixia sviluppo sta assumendo un profilo delicato, persino pericoloso per i consiglieri di questa società. È una società dai contorni discutibili, non del tutto giustificati. Abbiamo chiesto gli atti delle operazioni Oviesse, Guidizzolo e Circoscrizione Est, e dopo cinque mesi non abbiamo visto un solo foglio. In compenso il presidente ha dichiarato che dovremmo andare dal notaio. Dimenticando che l’azienda ha il dovere di fornire tutti gli atti al Comune, e che è stata la dirigente del Comune a sollecitare la documentazione».

    Secondo Del Bono esiste un rischio concreto, e cioè che «la mancanza di indirizzi e controllo esponga i consiglieri di quella società al rischio di sanzioni della Corte dei conti. Se diventassi sindaco dovrei chiedere conto agli amministratori del mandato su cui hanno agito: non avendolo, dovrei avviare un’azione di risarcimento nei loro confronti».

    Chi prenderà il posto di consigliere in Brixia Sviluppo? E’ possibile Laura castelletti, che proprio stamane avrà un incontro col sindaco.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    RISPONDI