Sesso, gnocche ormoni e chirurgia

    0
    Bsnews whatsapp
    " sex and the city II ? oggi si parla di sesso, gnocche, ormoni e

    chirurgia"

    un filme che mi ha divertita ma che ha anche suscitato pensieri

    irriverenti ed in parte seri….

    lo spunto per questo pezzo  è nato spontaneamente leggendo un blog

    scritto, presumo, da un uomo che del film ha colto solo la parte relativa

    alla "coltivazione di se stessi dopo il matrimonio", cosa che apprezzo e

    condivido poichè  l’esser parte di una coppia non dovrebbe implicare

    l’alienazione di se stessi come individui e tanto meno il realizzare se

    stessi nel tradire!!. Un ulteriore aspetto emerge con prepotenza nel film,

    non toccato pero’ nel blog del collega: la menopausa vissuta dalle donne

    d’oggi… menopausa… termine terrificante che le amiche si sussurrano

    più che parlarne apertamente….uno status che prima o poi ci "frega

    tutte"

     

    Una volta "quel momento" ineluttabile della vita femminile rappresentava

    la fine della femminilità e tutta una lunga serie di problematiche

    fisiche e psicologiche, tra le quali, in primis, l’esser viste dai propri

    compagni e non come "passatelle"… Ma quando mai?? avete mai visto in

    giro oggi quanto sono gnocche ed attive le over cinquanta? spesso danno

    la birra alle meno grandi – sottolineo: meno grandi, non più giovani!!.

    La vita infatti si è allungata, i mezzi a disposizione per mantenerci in

    forma, i ritmi, le cure che prestiamo al nostro corpo grazie a cielo si

    sono evoluti positivamente.

     

    La mitica Samantha, 52enne volgarotta ma ben esplicita e gnocca, afferma

    candidamente di utilizzare ormoni, integratori naturali ed altro per

    evitare vampate & annessi e connessi, inclusa la riduzione della libido (e

    qui la mia Amica/nemica Nadiolinda non me ne voglia) ed io sono per la

    totale e completà libertà di scelta!!

     

    Il cambiamento del nostro corpo non dovrebbe essere vissuto

    traumaticamente bensi’ nel unico modo  possibile: quello che appartiene ad

    ognuna di noi, e solo ed unicamente a noi stesse, senza dover giustificare

    nulla a chichessia!!

     

    Le nuove frontiere della medicina hanno messo a disposizione armi

    futuristiche ed efficaci in molti campi compreso questo, e allora che male

    c’è ad utilizzarle sotto controllo medico? piuttosto trovo scorretto che

    la discriminazione di genere in alcuni paesi non consenta alle donne di

    assumersi la responsabilità di come vivere ogni periodo della propria

    vita, senza ascoltare nessuno tranne che le proprie necessità e medici

    competenti!

     

    Essere femministe non significa mortificare il proprio corpo, non

    significa abolire i tacchi a spillo, gli integratori, le diete o fare

    palestra e neppure qualche ritocchino (sottolino qualche!!) ma vivere bene

    con se stesse, senza dover giustificare la cosa a nessuno!  Ben venga

    l’esercito -ancora troppo scarno ahimè- di donne indipendenti che con il

    loro sudato stipendio decidono di viziarsi al posto che aver marmocchi

    urlanti, che preferiscono una vacanza in una beauty farm piuttosto che

    Riccione perchè cosi’ i pupetto d’oro "sguazza nel bagnasciuga che è un

    piacere",benvenute and welcome a quelle che hanno LA fidanzatA  e non IL

    fidanzatO,  benvenute a quelle preferiscono parlar di

    politica/moda/economia/leggere/guardare un film,  piuttosto che di

    pannolini e gradazioni cromatiche della cacchina del  pargolo d’oro (che

    ho scoperto esser molto più numerose di quelle contenute in un maglione

    Missoni… cosa non facile!!).

     

     

     

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    RISPONDI