Riammessi dopo il ricorso al Tar

    0

     

    Due studentesse del “Don Milani” di Montichiari e un ragazzo della scuola media Virgilio-Foscolo hanno presentato ricorso al Tar per non essere stati ammessi agli esami.Il presidente del Tar, esaminati i fatti, ha riammesso agli esami di maturità le due ragazze bocciate il 6 giugno dal Consiglio di classe. Secondo il presidente del Tar, la valutazione sulle due studentesse è stata sommaria. Pur non avendo ottenuto la sufficienza piena in 4 materie, il rendimento di tutto l’anno scolastico non era così penalizzante da non permettere l’accesso alla maturità. Inoltre, dato che l’esame inizia il 22 giugno, non si poteva attendere il 15 luglio, data in cui la Camera di consiglio si sarebbe riunita per discutere il ricorso. Sono state riammesse con riserva in base alle ulteriori fasi di giudizio. Riammesso agli esami di terza media il ragazzo della Virgilio-Foscolo in quanto le motivazioni della mancata ammissione sarebbero state consegnate al Tar con ritardo rispetto alla data degli esami. Anche per lui riammissione, ma con riserva.

     

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. anche mio figlio è stato trattato come un numero da cancellare.
      mi sembra un sogno incubo.
      non ammesso abbiamo ieri consegnato il ricorso al tar speriamo
      di avere la stessa risposta ossia fare gli esami perchè se lo merita
      8 italiano 8 storia 7 latino 6,5 filosofia 7 storia dell\’arte 6,5 filosofia poi voti coperti da altri voti scienze 6 poi coperto in parte dal 5 voto finale, media di inglese errata perche ci stanno due voti dati quando mio figlio era assente ovvero gli ultimi due giorni di scuola e guarda caso un 3 ed un 4,5 , matematica con 5,78 di media voto finale 5 alla fine secondo loro mio figlio non è maturo ad affrontare gli esami di maturità con questi voti.

    2. Mi diaspiace, ma la notizia è stata presentata in modo errato: ciò che è stato detto nell\’articolo non è da attribuire al TAR , ma all\’avvocato che che ha presentato ricorso. Il TAR si pronuncerà in seguito. In questa sede non si tratta di stabilire chi ha torto o ragione. Il decreto della Gelmini parla chiaro: per essere ammessi all\’esame di maturità non ci devono essere insufficienze. Solo a pochi giorni dagli scrutini una circolare del ministro (attenzione, NON un decreto,) invitava i docenti a discutere EVENTUALMENTE in caso di UNA insufficienza non grave (di fatto 5). Dunque prendetevela con chi ha emanato il decreto!

    3. sono sconcertata!mio figlio non è stato ammesso agli esami di 3 media,mi sembra un brutto sogno….aveva diverse insufficenze che ha cercato di recuperare con insegnanti di sostegno ecc….eppure è stato classificato nel gruppo di studenti che non hanno mai aperto un libro e che dalla penultima settimana di lezione non hanno frequentato più!!!!Mi chiedo….ma allora mio figlio invece d’impegnarsi tutti i pomeriggi e andare a scuola fino l’ultimo giorno,non era meglio che se ne andasse al mare con gli altri????mi sento tradita,delusa ci hanno messo alla pari di chi non ha mai fatto nulla…Ma che metodo d’insegnamento,di educazione è questo???non sò che fare….sò che ho pianto tanto xchè ci siamo impegnati tanto….

    4. mio figlio non è stato ammesso all’esame di maturità in un istituto professionale dolciario per insufficienza di matematica (forse per fare il pasticcere bisogna sapere bene le equazione algebriche…),diversi professori mi hanno dimostrato solidarietà e comprensione e anche una malcelata contrarietà alla loro collega , però mi hanno detto che non potevano andare contro la prof. zitella di matematica, perchè insegna da diversi anni e dal punto di vista formale la decisione del consiglio di classe è in linea con il decreto Gelmini . Questo istituto non è un liceo ma la matematica è diventata più importante di altre materie specifiche per l’indirizzo scolastico scelto. Altri genitori sono nella mia situazione e ho pensato di chiedere un colloquio al preside per fare presente la situazione ; la segretaria mi ha detto che non ha tempo (ci sono gli scrutini) e se voglio posso fare una lettera(bella risposta vero ?) Sono amareggiato dall’eccessiva severità e dal fatto che non si sia tenuto conto del comportamento corretto e della condotta dell’allievo in questi 5 anni. Sto meditando di fare ricorso tramite avvocato,perchè nelle altre classi dove non insegna la prof in questione hanno ammesso studenti con diverse materie insufficienti, ma sono indeciso, che fare ?

    5. Capisco la Vostra situazione….a mia figlia è accaduta la stessa cosa esattamente 12 anni fa e……non c’era la Gelmini su cui far ricadere responsabilità che sono. solo ed esclusivamente personali degli insegnanti Penso che mia figlia sia stata una delle poche ad essere bocciata in quarta superiore e… Vi auguro di cuore di non trascorrere un’estate come la Nostra di 12 anni fa. Basti pensare che quell’estate NON riusciva piu’ a mangiare e nell’arco di pochi mesi perse 10 chili.
      un abbraccio affettuso

    6. mia figlia ieri alle 17 è stata avvertita della nn ammissione all esame di terza media……………oggi iniziavano gli scrittti vi sembra normale non avere un preavviso

    7. Buongiorno
      mi chiamo Daniela,e sono la mamma di un ragazzo che quest’anno ha frequentato il terzo liceo classico e che non è stato ammesso agli esami.Cerco di spiegare al meglio come sono andate le cose:Mio figlio è sempre stato un buon alunno e non ha mai ripetuto in tutta la sua carriera scolastica. Mio figlio come pure noi eravamo consapevoli che aveva l’insufficienza a latino e greco come dell’altro purtroppo anche la maggior parte della classe( poi però alla fine dell’anno la maggior parte dei ragazzi che aveva l’insufficienza è stata ammessa, mentre mio figlio e un altro ragazzo no). L’insegnante però aveva in un certo qual modo riassicurati i ragazzi. Ci tengo a precisare che anche all’ultimo incontro con i professori che risale a Marzo, gli stessi insegnanti ci avevano riassicurati che mio figlio aveva recuperato tutti i debiti del primo quadrimestre e che si erano complimentati per l’impegno che il ragazzo aveva dimostrato. Preciso che in particolare, il Prof. di Italiano aveva esplicitamente detto di abbandonare la sua materia e concentrarsi su latino e greco, stessa cosa aveva esplicitamente detto il Prof. di Matematica e Fisica. Ci tengo a precisare che I prof. di matematica e Italiano ci avevano rassicurati per i voti con la quale avrebbe presentato il ragazzo 6 a matematica e 7 a fisica e 6 a Italiano il quale prof. ci aveva suggerito, anche lui, di far concentrare il ragazzo su latino e greco. A fine Aprile era stato fissato un’altro incontro con i prof. ma era stato detto agli alunni che non era importante per cui non c’era motivo di andare a scuola. Preciso che siccome volevo andare comunque a questo incontro, mio figlio accennò alla prof.di latino e Greco che sarei voluta andare e lei gli rispose che non era assolutamnte necessario e quindi di consequenza non sono andata. Qualche settimana prima della chiusura della scuola volevo andare a parlare con questa insegnante ma anche in quella sede disse che non serviva. Preciso che durante l’ultimo periodo dell’anno mio figlio si stava preparando per l’esame , studiando ed elaborando la sua tesina dalla quale ha ricevuto i complimenti dai professori che lo hanno inoltre incorraggiato dicendogli testualmente "In bocca al lupo per gli esami" Anche qualche prof. dell’altra sezione gli aveva confermato che tutti i ragazzi erano stati ammessi ad eccezione di un ragazzo compagno di classe di mio figlio che non solo era già un ripetente ma aveva una situazione disastrosa. Il giorno stesso dello scrutinio finale esattamente il 15/06/2011, mi giunge una telefonata sul mio cellulare:era il Preside che mi communicava la non ammissione di mio figlio e mi invitava ad un incontro con lui.Il preside era stupito quanto me poiche conosceva bene il valore di mio figlio (preciso che mio figlio è stato rappresentante di classe per tutti i cinque anni, e non è mai mancato ad una riunione)Vedendo la mia reazione a questo " delitto morale" mi ha suggerito in modo molto elegante che avrei avuto tutti i presupposti per poter presentare una sorta di ricorso. Il mio punto di battaglia non è l’anno scolastico ma il tradimento umano che noi abbiamo ricevuto. Preciso anche che molti professori si sono scusati con mio figlio dicendogli testualmente " è stata una grande ingiustizia ma noi non abbiamo potuto fare di più perchè sei stato presentato in consiglio con 4 a latino e greco con 5 a matematica e con 5 a italiano . A questo punto mio figlio è rimasto senza parole e si è subito precipitato dal preside che gli ha confermato quanto appreso. Ora la mia domanda è come può un professore comportarsi in questo modo, e cioè rassicurare i ragazzi dicendo loro di avere la sufficienza nella sua materia, senza interrogazioni nel 2° quadrimestre e poi presentarli con "5"? Preciso che il prof. di Italiano ha anche molte denucie a suo carico per comportamenti scorretti. Chiedo un consiglio su cosa dovrei fare nei confronti di questi insegnanti e se è possibile in qualche modo far dare gli esami a mio figlio e l’altro ragazzo per non dover ripetere l’anno, visto che ormai gli esami sono già cominciati.
      I professori devono essere di esempio ai ragazzi e non dei grandi disonesti. Spero di avere qualche possibilità per mio figlio e che questa mia storia possa toccare il cuore di chi, insieme a noi genitori, segna il percorso di un ragazzo con scopo di mettere fine a questi "abusi".

      Fiduciosa di un suo consiglio.

      Saluti
      Daniela

    LEAVE A REPLY