Rolfi contro le truffe agli anziani

    0
    Bsnews whatsapp

    “In seguito agli episodi di truffa, o tentata truffa, a danno di persone anziane, è indispensabile che tutti i cittadini che si trovano soli i casa non abbiano dubbi sull’interpellare telefonicamente le forze dell’ordine prima di aprire a qualcuno per cui l’identità non è certa. Innanzitutto è importante ricordare che non esiste personale di A2A, del pubblico impiego o delle forze dell’ordine titolato a chiedere denaro a domicilio, quindi questa richiesta deve far scattare il primo campanello d’allarme. I cittadini quindi non devono aprire la porta e hanno la nostra assoluta disponibilità, insieme al supporto delle Forze dell’ordine che invito vivamente a chiamare.”

    Il Vicesindaco e Assessore alla Sicurezza del Comune di Brescia Fabio Rolfi lancia un appello ai cittadini, soprattutto a quelli meno giovani che si trovano soli in casa, affinché possano riconoscere il truffatore e, soprattutto, avvisare le forze dell’ordine prima di aprire la porta di casa.

    I numeri di telefono da digitare nel caso di difficoltà sono il 112 per contattare i Carabinieri, il 113 per la Polizia di Stato, il 117 per la Guardia di Finanza lo 030/45001 per la Polizia Locale.

    “E’ importante che questi numeri di telefono siano memorizzati sull’apparecchio telefonico perché, in caso di necessità, siano pronti all’utilizzo – ricorda Rolfi –. Nel mese di luglio l’Assessorato alla Sicurezza organizzerà degli incontri nei centri per anziani, nelle Circoscrizioni, nelle sale in cui già loro sono soliti ritrovarsi, per spiegare poche e semplici ma fondamentali norme per riconoscere le truffe e, quindi, evitarle”.

     

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. Ogni iniziativa tesa a tutelare gli anziani (…e non solo)dai truffatori è benvenuta, ma l\’informazione è il mezzo più efficace. A questo proposito propongo di invogliare la gente, indistintamente dall\’età, a leggere quel semplice saggio scritto da Maurizio Vecchi.

    RISPONDI