I gestori della mensa si ritirano

    0

    Un gran pasticcio. E non di quelli, alla carne, che si mangiano. La vicenda della mensa di Adro, finita alla ribalta nazionale nei mesi prima dell’estate, non smette di fare notizia, e la situazione diventa sempre più intricata.

    Il nuovo capitolo. Dato che i vertici dell’associzione che da 36 anni gestisce la mensa non hanno ancora ricevuto l’incarico da parte del comune e dal sindaco Oscar Lancini per proseguire nella gestione del servizio, l’associazione stessa si rifiuta di andare avanti e fa un passo indietro. La presidente del gruppo Daniela Giuseppina Vezzoli dimostrando grande sensibilità ha donato tutte le attrezzature, di proprietà dell’associazione, al Comune che negli ultimi mesi ha sostenuto la formazione di un’associazione alternativa (non ancora ufficialmente costituita) che dovrebbe occuparsi della mensa, che tra l’altro sarà da organizzare nel nuovo plesso scolastico in ultimazione. Per curare il passaggio di consegne è stato nominato un liquidatore che si occuperà di saldare ogni conto con l’amministrazione. Nell’occasione verrà istituito un fondo di garanzia di circa 10mila euro che servirà per aiutare le famiglie in difficoltà con l’acquisto dei buoni pasto. Sia quelle italiane che quelle immigrate.
    a.c.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY