Girelli: Situazione grave

    0

    Centinaia di dipendenti, associazioni e cooperative che vivono dell\’indotto
    culturale, ambientale, turistico, presidenti e consiglieri di amministrazione: i 24
    parchi regionali della Lombardia, distinti in fluviali, montani, di cintura
    metropolitana, agricoli e forestali, sono in difficoltà con tutto il patrimonio
    umano e professionale che vi ruota attorno. E in Lombardia coprono e valorizzano
    buona parte dei 450mila ettari di territorio del "Sistema delle Aree protette
    lombarde", istituito con legge regionale n. 86 del 1983 e dove sono compresi anche
    78 parchi di interesse sovracomunale, 65 riserve naturali, 29 monumenti naturali.

    Ma i tagli della manovra finanziaria stanno mettendo a rischio tutto questo, in
    particolare nella provincia bresciana dove una grande porzione di territorio è
    ricompresa proprio all\’interno dei grandi parchi regionali (l\’importante
    comprensorio del Parco dell\’Adamello che da solo conta 50.934 ettari, quello
    dell\’Alto Garda bresciano, dell\’Oglio Nord, del Monte Netto). I presidenti dei
    parchi hanno già sollecitato l\’assessore regionale Colucci a incontrarli (la
    riunione si terrà il 23 settembre), ma una risposta il responsabile delle aree verdi
    lombarde la dovrà anche ai consiglieri regionali.

    A seguito dell\’approvazione in Consiglio regionale dell\’ordine del giorno sulla
    revisione della normativa sul sistema delle aree protette regionali e le relative
    risorse finanziarie, i consiglieri del Pd, cofirmatario Gianantonio Girelli, hanno
    chiesto, in VIII Commissione Agricoltura, di programmare nel più breve tempo
    possibile l\’audizione dei parchi per esporre le criticità e le proposte, invitando
    Colucci a relazionare sulle scelte che sta per intraprendere il suo assessorato.

    "Il grosso problema di risorse mette a rischio l\’esistenza stessa dei parchi, che
    contano centinaia di dipendenti e tutta una serie di associazioni e cooperative che
    lavorano con queste strutture e vivono dei loro contributi – ricorda Girelli -. E\’
    urgente capire come affrontare la crisi di quelli che sono punti strategici nella
    valorizzazione e nella tutela del territorio lombardo. In particolare, nell\’ordine
    del giorno, il Consiglio ha impegnato la Giunta a predisporre in tempi rapidi un
    percorso legislativo che preveda una forma di modernizzazione del sistema
    consolidato delle aree protette regionali. La legge finanziaria ormai è vigente.
    Urge un intervento regionale che permetta ai parchi e ai loro operatori di
    affrontare il 2011 serenamente".

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome