I nostri Inca volati a Parigi

    0

    Si aprirà oggi venerdì 10 settembre, alla Pinacothèque de Paris, la mostra ospitata fino al 27 giugno al Museo di Santa Giulia di Brescia che, con i suoi 283.439 visitatori, è stato uno degli eventi espositivi d’arte italiani più apprezzati dal pubblico.

    "L’Or des Incas. Origines et mystères" rimarrà a Parigi sino al 6 febbraio 2011. Questa trasferta in terra di Francia, per un’iniziativa interamente nata e concepita in Italia, prodotta e organizzata da Fondazione Brescia Musei e da Artematica, rappresenta un avvenimento molto raro, se non unico.

    E’ una soddisfazione per tutta la città il successo che la coproduzione della mostra Inca sta riscuotendo oltralpe – ha dichiarato il sindaco, Adriano Paroli-.  Il direttore della Pinacothèque de Paris ha personalmente ringraziato Brescia per l’eccellenza della mostra realizzata, soddisfatto di poter ospitare un’esposizione esclusiva di così alto livello.

    “È un onore – ha affermato Andrea Brunello, amministratore delegato di Artematica – poter affermare che la bontà del progetto espositivo sia stata riconosciuta dalla Pinacothèque de Paris; questa soddisfazione si associa anche al successo che INCA. Origine e misteri delle civiltà dell’oro ha saputo ottenere a Brescia”.

    L’evento parigino proporrà un viaggio attraverso gli aspetti inconsueti e meno conosciuti di questi popoli, con la ricostruzione dell’ambiente, dei miti e dei riti alla base del contesto socio-culturale che ha consentito di creare alcuni dei capolavori assoluti dell’arte di tutte le epoche.

    Il percorso espositivo, con tesori raramente esposti al di fuori dei confini nazionali peruviani, presenta i vestiti interamente ricoperti d’oro dei sovrani dell’antico Perù, i paraphernalia (coltelli sacrificali, diademi, strumenti musicali, ecc.) utilizzati nei rituali che garantivano l’equilibrio del cosmo e la crescita dei raccolti, gli ornamenti (corone, orecchini, narigueras, collane, pettorali, raffigurazioni di uomini e animali e divinità, ecc.) sempre in oro, che visibilmente mostravano la condizione semidivina dei re, i reperti del corredo funerario (maschere in oro, sculture in terracotta e legno, ecc. ), che accompagnavano i morti nel loro viaggio nell’Inframondo.

    Considerato come il ‘sudore’ del Sole, divinità suprema del pantheon animista Inca, l’oro è strettamente associato ai rituali religiosi. Questo materiale era fondamentale nella rappresentazione terrena del potere, in quanto l’imperatore Inca era considerato l’incarnazione umana del Sole, oltre a essere uno strumento di differenziazione sociale per l’elite Inca, era un elemento indispensabile per il corredo funebre.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY